Opinioni

Fassina chiede a Virginia Raggi di intervenire in ACEA

La Giunta Raggi, quale socio di maggioranza, “intervenga a fermare Acea nell’acquisto di Acqualatina. Sarebbe inaccettabile impedire la completa ripubblicizzazione della gestione dell’acqua ai 38 Comuni interessati. Non vorremmo che il piano strategico annunciato dall’assessore Colomban arrivasse a acquisizione avvenuta”. E’ il commento all’Askanews del deputato e consigliere capitolino di Sinistra per Roma Stefano Fassina, interpellato sull’arrivo a breve di un piano della Giunta Raggi su Acea e partecipate annunciato dall’assessore capitolino Massimo Colomban. “Sarebbe altrettanto inaccettabile consentire a Veolia, azionista uscente di Aqualatina, una speculazione a spese dei cittadini romani – continua Fassina -. Veolia, come verificato già nel 2009 dall’allora assessore Zaratti, è stata largamente inadempiente rispetto agli impegni previsti nella convenzione. La Giunta intervenga con la massima urgenza”. Anche il comune di Ladispoli ha chiesto alla Raggi di intervenire sulla vicenda.
sinistra italiana fassina
In mattinata l’assessore alle Partecipate Massimo Colomban aveva accennato alla vicenda, sottolineando che la Giunta Raggi sta mettendo a punto un piano strategico dettagliato su competenze, gestione e strategie industriali delle sue partecipate, e presto lo presenterà alla città. L’assessore capitolino alle Partecipate, raggiunto dall’Askanews per un commento sull’acquisizione da parte di Acea della società Acqualatina, ha spiegato che “ogni dettaglio sui casi relativi alle singole aziende lo renderemo noto insieme all’assessore al Bilancio Andrea Mazzillo in una conferenza che terremo al più presto, appena il piano, che è quasi pronto, sarà chiuso. Fino a quel momento non voglio entrare nello specifico. Noto, però che si stanno dicendo molte cose sulle partecipate romane e c’è molta disinformazione”. Oggi sui giornali si è parlato dell’acquisizione da parte di Acea di Acqualatina, società che gestisce il servizio idrico di 38 comuni della provincia, molti dei quali premono per la ripubblicizzazione della gestione chiedendo al Campidoglio, socio di maggioranza di Acea, un atto in coerenza con il programma del M5S. L’azienda, nonostante le pressioni di Palazzo senatorio, ha proceduto come azienda quotata col suo piano industriale e con l’acquisizione prevista, creando però una chiara difficoltà politica alla Giunta, da sempre schierata con i comitati per l’acqua pubblica. Nella conferenza stampa, che dovrebbe essere convocata dopo il referendum, questo e gli altri casi problematici dovrebbero trovare una cornice strategica coerente con il programma M5S e gli obiettivi di risanamento della Giunta Raggi. A stretto giro di posta arriva la risposta di Fabrizio Ghera di Fratelli d’Italia: “Se il piano sulle partecipate di Colomban e’ in arrivo – lo dice lui stesso – come quello sui rifiuti e sulla manutenzione delle strade allora si’ che stiamo freschi. In questi mesi di caos 5 Stelle, dove nulla di concreto e’ stato prodotto per la citta’ a parte la profusione di nomine e poltrone ci sembra che questa giunta navighi a vista. Dopo le promesse del sindaco Raggi e degli assessori effettivamente ci mancavano quelle dell’ultimo arrivato”.

Leggi sull’argomento: La guerra furba di Virginia Raggi ad Acea