Attualità

E Palù chiama ancora Crisanti “zanzarologo”

Il virologo Giorgio Palù torna a definire Andrea Crisanti un “esperto di zanzare”. Perché?

Giorgio Palù, uno degli esperti chiamati da Zaia per gestire l’epidemia di Coronavirus, professore di Neuroscienze all’Università di Philadelphia e presidente della Società europea di Virologia, alla trasmissione “Primus inter pares” su Tv7 Group, ha spiegato: “ Crisanti è un mio allievo. Nel senso che accademicamente l’ho chiamato io da Londra. Non è un virologo. Non ha mai pubblicato un lavoro di virologia. Negli ultimi dieci anni non ne ha mai pubblicato neanche uno di microbiologia. Ma è un esperto di zanzare, come entomologo”. Non è la prima volta che accade: già qualche mese fa Giorgio Palù non si era trattenuto e in un’intervista al Gazzettino aveva definito Crisanti “zanzarologo”:

Professor Palù, le dispiace essere tirato per la giacca?
«Ci ho pensato a lungo, ma non voglio scendere in polemica. La comunicazione scientifica seria non dovrebbe fare polemica per vendere copie. Il sale della discussione anche nella scienza è il confronto, anche tra visioni scientifiche diverse. Ma questo viene fatto tra pari, tra persone riconosciute come virologi dalla comunità scientifica internazionale o dalle riviste specialistiche. Non con quelli che si accreditano come virologi o che vengono accreditati dai giornali come tali».

Intende sottolineare che Crisanti in realtà non è virologo ma parassitologo?
«Non intendo fare nomi né riferirmi ad alcuno. Io sono un virologo da sempre e dico che la discussione su questo settore si fa e si porta avanti basandosi su ipotesi scientifiche. Non so come funzioni invece tra gli zanzarologi».

zaia crisanti giorgio palù zanzarologi

Perché Palù chiama Crisanti “zanzarologo”? Dopo aver notato che l’accusa di Palù è la stessa che rivolgono a Crisanti i complottisti del web chiamando in causa Bill Gates, ricordiamo che il professore dell’Imperial College ha diretto nel 2018 uno studio pubblicato poi su Nature che dimostra che è possibile influenzare il gene che decide se dall’uovo di zanzara si svilupperà un innocuo maschio o una femmina capace di pungere e diffondere la malaria e altre malattie. Tutt’altro che una bazzecola.

Leggi anche: L’assembramento per la fila al centro commerciale in Campania