Attualità

L’indagine per ricettazione sulle foto rubate a Diletta Leotta

Dopo l’hackeraggio del suo account che risale a tre anni fa, per il quale è accusato un minorenne, esce un’altra inchiesta a Roma

diletta leotta 1

Qualche tempo fa la conduttrice tv Diletta Leotta subì un furto di fotografie che si trovavano sul suo account. Tra queste, a quanto pare, una venne pubblicata su una rivista che usufruì dell’hackeraggio di Google Drive che mandò in rete quegli scatti. Racconta oggi il Messaggero che per quelle foto si indaga anche a Roma ipotizzando il reato di ricettazione nei confronti di un giornalista e del direttore della rivista:

Sulla sponda meneghina le indagini avrebbero puntato l’obiettivo su un minorenne. Questi avrebbe avuto il ruolo di dare l’input alla diffusione del materiale privato della Leotta, pur non avendo violato l’account online della conduttrice. Le indagini sono ancora in corso e, a Milano,dovranno accertare chi commise l’accesso abusivo allo spazio di archiviazione digitale.

Una di quelle foto però sarebbe comparsa, secondo gli inquirenti, sulla stampa e da lì avrebbe avuto impulso l’attività del pm Carlo Villani, il magistrato che ha aperto il fascicolo iscrivendo giornalisti e direttore della rivista, presunti responsabili della pubblicazione. L’ex volto noto di Sky Sport, nel settembre 2016, periodo in cui la rete era inondata dai selfie della conduttrice, aveva reagito pubblicando una nota presso il suo ufficio stampa dicendosi «amareggiata e indignata» per quanto accaduto.

Leggi anche: «Il razzismo? Colpa dei governi precedenti»

Nel febbraio del 2017, a pochi mesi dalla violazione dell’account, la Leotta calcò anche il palco di Sanremo dove portò la sua testimonianza di un atto «violento», come lei stessa lo definì. Più tardi la padrona di casa della serie A sulla pay tv di Dazn avrebbe detto, ammettendo di essere arrossita riguardando quelle foto, «le rifarei, ma con più attenzione alla password dei miei account».