Politica

«Il razzismo? Colpa dei governi precedenti»

@neXt quotidiano|

bakary dandio melegnano salvini razzismo - 3

Stefano Candiani, sottosegretario all’Interno della Lega, non è soltanto un politico che attualmente ricopre cariche istituzionali di una certa importanza, ma è anche un fine umorista. Lo svela l’intervista rilasciata oggi a Simone Canettieri del Messaggero:

41 migranti eritrei della nave Diciotti chiedono un risarcimento danni urgente al governo.
«Diciannove, venti o ventuno?».

Prego?
«Scherzo per non arrabbiarmi: ma qui ormai si stanno dando i numeri. Una vicenda surreale».

Per non essere da meno rispetto all’Internet, Candiani, già che c’è, fa anche complottismo sulla questione dei 16 migranti nati il primo gennaio (« Tutto pazzesco. Questi sono gli effetti di quando si taglia il business dell’immigrazione»), ma soprattutto ci spiega che se in Italia c’è razzismo è colpa dei governi precedenti:

Il caso del bimbo di colore dietro la lavagna, il ragazzo del Milanese a cui fanno le scritte sotto casa: l’Italia sta diventando razzista?
«Noi stiamo al governo da pochi mesi, questa è l’Italia che ci hanno lasciato loro. La sinistra ha creato confusione».

Ma c’è razzismo?
«Sono circostanze che vengono colorite per creare polemiche. Ma questo Paese ce l’hanno lasciato loro con tutte queste contraddizioni, a cui vogliamo porre rimedio con il buonsenso».

Leggi anche: Il giallo del Di Battista scomparso verso una soluzione?