Tecnologia

Le turbofregnacce di Diego Fusaro e dei sovranisti sulla legge sull’omofobia

Il DDL Zan sull’omofobia non è ancora stato depositato alla Camera, ma il turbofilosofo e altri soggetti dotati di bandierina stanno cercando di spacciare un emendamento del 2014 di Giovanardi come il testo della legge

diego fusaro legge omofobia 1

Diego Fusaro è generalmente attendibile un po’ meno di Sara Cunial ma riuscire a scambiare un emendamento del 2014 per la legge sull’omofobia è in un certo senso travalicare un nuovo confine.

Le turbofregnacce di Diego Fusaro sulla legge sull’omofobia

Il DDL di Alessandro Zan non è ancora stato depositato alla Camera – L’Espresso ne ha anticipato a grandi linee il testo qualche tempo fa – e dovrebbe iniziare il suo percorso in Commissione Giustizia per farlo arrivare al voto entro luglio. E infatti Pro Vita ha già annunciato una manifestazione contro il DDL a Piazza del Popolo. Ciò nonostante, un buon numero di intelligentoni sta facendo girare su Twitter la foto di una “proposta di modifica” che si trova sul sito del Senato (nonostante il DDL parta dalla Camera…) attribuendola per di più al parlamentare di Italia Viva Ivan Scalfarotto (che è anche lui deputato…):

legge omofobia emendamento scalfarotto senato

Il turbofilosofo, giustamente, si aggrega al rantolo di intelligenza collettiva scandalizzandosi perché ohibò, qui c’è qualcosa di strano:

a) al comma 1, alle lettere a) e b) sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: ”o fondate sull’odio ovvero disprezzo o comunque palese ostilità tesa concretamente a ledere l’incolumità, la dignità e il decoro delle persone che manifestino anche solo apparentemente, ancorché non apertamente, orientamenti omosessuali, bisessuali, eterosessuali, pedofili, se tali condotte discriminatorie siano poste in essere a motivo del loro orientamento sessuale e siano espressione di violenza o ostilità verso la persona e non di pensiero verso l’orientamento sessuale e lo stile di vita in sé”;

diego fusaro legge omofobia

C’è un problema, però. Oltre a trovarsi, appunto, sul sito del Senato, l’emendamento risale al 2014 e si riferisce alla legge sull’omofobia presentata all’epoca dall’allora senatore Scalfarotto. Quel DDL non è mai stato approvato e l’intenzione di Giovanardi, D’Ascola, Torrisi, Bianconi e Chiavaroli era chiaramente quella di fare ostruzionismo.

emendamento giovanardi legge omofobia

Eppure sia i sovranisti con la bandierina che il noto filosofo marxistAHAHAHAHAHA non se ne sono accorti e non sono riusciti a verificare il tutto nonostante ci vogliano due click. Strano, eh?

Leggi anche: Le bufale di Salvini sul plexiglas a scuola