Politica

La benedizione di Di Maio per il bis di Virginia Raggi a Roma

L’incontro di ieri alla Farnesina dopo gli strali di Zingaretti e l’ok dell’ex capo politico alla ricandidatura della sindaca

luigi di maio virginia raggi

Ieri si è svolto a sorpresa un incontro tra Virginia Raggi e Luigi Di Maio sul tetto della Farnesina, il ministero degli Esteri. E Luca De Carolis spiega oggi sul Fatto Quotidiano che nell’immagine diffusa ieri sui social network, c’era la benedizione dell’ex capo politico del M5S per la ricandidatura della sindaca di Roma.

Certo, giurano dagli staff, l’incontro di ieri pomeriggio alla Farnesina tra il ministro degli Esteri e la sindaca era programmato da giorni, “e non si è mai e poi mai parlato di terzo mandato”, insistono dal ministero. Ma quella foto racconta già quasi tutto. CONFERMA CHE TUTTOsi muove velocemente, dopo l’aper tura del capo politico reggente Vito Crimi sul Fat to del 16 maggio scorso: “Si deve discutere della permanenza del vincolo del doppio mandato per chi amministra, il mondo cambia e dobbiamo tenerne conto”. Così ecco che Di Maio riceve in casa propria Raggi, da ex leader che si sente ancora il primus inter pares, e le ostenta sorrisi e sostegno.

Ed è anche una risposta al segretario del Pd Nicola Zingaretti, che giorni fasu Il Messaggero aveva fatto muro a un bis della sindaca (“Una minaccia per i romani”). Parole che non sono piaciute a Di Maio. “Quella di Zingaretti è stata una leggerezza, i toni vanno soppesati”, ha osservato con i suoi.

luigi di maio virginia raggi

E nel faccia a faccia con Raggi si è parlato a lungo degli strali del governatore del Lazio e del rapporto con i dem,a medio termine fondamentale nella partita per il Campidoglio. Poi, ufficialmente, si sarebbe discusso soltanto di emergenza coronavirus e dei tanti guai da risolvere per i primi cittadini. “L’ho ringraziata per il lavoro fatto”riassume Di Maio. Ma la sostanza politica è che il ministro l’ha ricevuta per ribadire che tutte le decisioni che contano devono passare ancora attraverso di lui, pronto a riprendere il controllo del M5S in autunno,possibilmente per interposta persona (Chiara Appendino o Paola Taverna, le prime opzioni). Prima, entro l’estate, arriverà il voto sulla piattaforma Rousseau la rimozione del vincolo dei due mandati per i sindaci.

Leggi anche: Zero decessi segnalati: i conti che non tornano in Lombardia