Rassegna Stampa

Di Battista e la fronda grillina che vuole chiudere la porta a Renzi

Cosa vuole fare Alessandro Di Battista? L’ex parlamentare del Movimento 5 Stelle guida la fronda dei grillini che nonostante l’inopportunità politica (dire no a Renzi in questo momento rischia di tagliare le gambe a Conte) insiste nel chiudere le porte al leader di Italia Viva

di battista no a renzi

Cosa vuole fare Alessandro Di Battista? L’ex parlamentare del Movimento 5 Stelle guida la fronda dei grillini che nonostante l’inopportunità politica (dire no a Renzi in questo momento rischia di tagliare le gambe a Conte) insiste nel chiudere le porte al leader di Italia Viva. Scrive il Corriere:

L’ex deputato ribadisce ai suoi che «Conte è l’unica opzione e che il M5S deve far sentire la sua forza numerica». È convinto che ci sia «una copertura politica di Silvio Berlusconi alla mossa di Renzi» e proprio per questo avverte i parlamentari di Italia viva: «Se andiamo al voto il M5S, seppur ridimensionato, continuerà a esistere, Italia viva non credo». Sa che in questo passaggio gli intrecci a Palazzo Madama sono fondamentali (e non a caso ieri si è riunita una fronda di senatori vicini a lui, a Paola Taverna e a Stefano Patuanelli per frenare eventuali trame del sottobosco della politica). Anche per quello lancia un messaggio: «il peso dei senatori sarà dirimente. C’è un gruppo di persone che la vede come me, un gruppo che sta crescendo e che terrà il punto su Conte ad ogni costo». D’altronde Di Battista lo dice spesso ai suoi: «Non ho paura del voto, dobbiamo difendere il nostro progetto: i voti vanno e vengono, la credibilità no»

Dibba ad Accordi e Disaccordi non ha neanche escluso di entrare in un nuovo esecutivo: «Io ministro? Non chiuderei la porta ma il Movimento sa che non sto zitto e rompo le palle. E non cambierò». Ma senza Renzi sarà possibile, in questa legislatura e nella prossima? Intanto i vertici M5S pensano che non sia il momento di fare i duri e puri, come vi abbiamo spiegato qui.