Opinioni

Il tizio denunciato per minacce all'arbitro Massa dopo il rigore alla Juve

neXt quotidiano|

undefined

Un operaio in pensione di 62 anni, incensurato, di origine calabrese, ma abitante nella provincia di Lecco, tifoso del Milan, è stato denunciato dalla Questura di Imperia per gli insulti e le minacce di morte rivolte all’arbitro Davide Massa, di Imperia, a margine del match Juve-Milan, del 10 marzo scorso a Torino, in seguito al rigore concesso alla Juve al 97′. Il pensionato, secondo gli inquirenti, ha afferrato il suo Iphone per chiamare la sezione arbitri di Imperia, al quale è iscritto Massa, e al presidente Alessandro Savioli ha rivolto insulti e minacce diretti a Massa.
juventus milan rigore
Grazie a immediate indagini della Digos, coordinate dalla Procura di Imperia, è stato possibile risalire all’autore della telefonata e al suo indirizzo. Ulteriori conferme sono arrivate con la perquisizione domiciliare, nella quale è stato trovato l’Iphone. I poliziotti hanno anche sequestrato diverse apparecchiature informatiche che saranno analizzate dalla polizia scientifica. L’uomo è stato denunciato per minacce gravi ed ora rischia un anno di reclusione.