Opinioni

Così il M5S Torino e Appendino vi stanno per fregare sulla TAV

La TAV non si fa sennò vado sulla Mole e me butto de sotto. Anzi no, la TAV si fa e al massimo facciamo un gruppo e una lista civica. Il MoVimento 5 Stelle di Torino si prepara alla sceneggiata sull’Alta Velocità, imitando il gioco di sponde tra Conte e Di Maio che consentirà ai grillini di far fare l’opera e rimanere seduti sulle poltrone tanto sudate e amate. I grillini sabaudi erano quelli che a parole erano pronti a gesti inconsulti in caso di ok alla TAV: dimissioni, addio alla maggioranza di Appendino, tuoni e fulmini. Ora che è arrivato l’ok alla TAV con tanto di sceneggiata di voto già deciso, la montagna ha partorito il toposorcio. Spiega oggi Stefano Caselli sul Fatto:

La sindaca, fino all’ultimo, ha provato a tenersi in disparte: “Il Tav –aveva detto ieri prima dell’annuncio del premier –è un tema su cui non abbiamo un aspetto decisionale, è in mano al governo. Io ho massima fiducia in Giuseppe Conte”. Non è dato sapere se la fiducia sia sopravvissuta, certo è che a grosso rischio sia la fiducia della maggioranza pentastellata alla sua sindaca, qualora Appendino scegliesse un profilo filogovernista in nome di un “non possumus”sul blocco dell’odiata opera inutile. I rumors di Palazzo civico, tuttavia, sembrano escludere una rottura fatale.

francesca frediani tav m5s torino m5s piemonte

Nei corridoi si vocifera di una possibile frattura “concordata”, ossia un gruppo di “duri e puri” fuori dal M5S ma dentro la maggioranza, prodromo di una possibile lista civica da spendere alle prossime elezioni.

Chi potrebbe avere qualche interesse a tramare per far cadere Appendino sul Tav, paventano alcuni, potrebbe essere l’ex vicesindaco Guido Montanari, durissimo e purissimo a cui la sindaca ha da poco ritirato le deleghe dopo l’annuncio del trasferimento del Salone dell’automobile (e dove se no?) a Milano. Ma l’eventualità, secondo i bene informati, non è data come probabile.

Come si vede, la plastica intenzione del M5S torinese è quella di fare un’altra sceneggiata sulla TAV e poi rimanere seduto al suo posto. Chiagne e fotte, si dice sotto la Mole.

Leggi anche: Il giochino tra Conte e Di Maio per fregare il M5S sulla TAV

Mario Neri

Mario Neri è uno pseudonimo. La foto di Cattivik che usa come immagine del profilo lo rappresenta pienamente