Economia

FM4: che cos'è il maxiappalto Consip

FM4 è parte di una gara di facility management del valore di 2,7 miliardi bandita nel 2004 e suddivisa in diversi lotti, tre dei quali potrebbero essere aggiudicati alla società dell’immobiliarista Alfredo Romeo. Su quella gara la Romeo Gestioni era risultata prima in graduatoria in tre lotti – il 3, il 13 e il 18 – per un valore di 609 milioni. Era invece seconda nel lotto numero 10, quello riguardante i servizi nel centro storico di Roma e, dunque, nei palazzi del potere. Un appalto da 143 milioni che, al momento, vede prima in graduatoria il gigante francese Cofely (vincitore al momento anche dei lotti 8, 11 e 16 per un valore complessivo di 585 milioni). Ed è proprio sulla Cofely che si concentrano i timori di Romeo (e le attenzioni degli investigatori), convinto che, dice il GIP, “avesse ricevuto da ignoti facilitatori una raccomandazione a vincere le gare a suo danno”.

Facility Management 4: che cos’è il maxiappalto Consip

La gara facility management 4 (Fm4) per l’affidamento dei servizi di gestione negli uffici delle amministrazioni pubbliche e nelle università e negli istituti di ricerca di tutta Italia è stata lanciata da Consip il 19 marzo 2014: ha un valore complessivo di 2,7 miliardi suddiviso in 18 lotti geografici con un taglio che varia da un minimo di 90 milioni (lotto 8) a un massimo di 247 milioni (lotto 11). Tra i 18 concorrenti che risultano primi, oltre alla Romeo Gestioni, ci sono gruppi tedeschi e francesi della manutenzione immobiliare, raggruppamenti di operatori specializzati in singoli settori. Spiegava la Consip sul suo sito all’epoca:

La gara, che ha ottenuto il parere favorevole dall’Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato (AGCM), sarà effettuata a procedura aperta e verrà aggiudicata con la modalità dell’offerta economicamente più vantaggiosa, seguendo criteri che privilegiano la qualità dei servizi offerti, ma anche l’economicità. Nella gara sono state introdotte una serie di misure che risultano sempre più indirizzate a garantire la più ampia partecipazione degli operatori economici che competono nel settore dei servizi di facility management e ad incentivare la partecipazione alla gara da parte delle Imprese in forma associata, favorendo di conseguenza la partecipazione delle piccole e medie imprese del settore.
In particolare tra i principali elementi strategici presenti eo innovazioni introdotte rispetto alla precedente edizione dell’iniziativa, si segnalano:
– Aumento dei lotti: il numero di lotti in cui è suddivisa la gara è stato portato da 12 a 18
– Tetto ai lotti aggiudicabili: il numero massimo di lotti aggiudicabili per ciascun concorrente è stato fissato pari a tre ordinari ed uno accessorio
– Requisiti tecnici cumulabili: in caso di partecipazione in forma associata, possibilità di soddisfare il requisito tecnico relativo al possesso dell’iscrizione nel Registro delle Imprese o all’Albo delle Imprese artigiane (fascia F) anche attraverso la somma dei relativi singoli importi di fatturato

La Consip, ovvero la Concessionaria di Servizi Informativi Pubblici, è la centrali acquisti della pubblica amministrazione italiana; il suo azionista unico è il Ministero dell’Economia e della Finanze; nasce nel 1997 per gestire i servizi informatici del ministero del Tesoro. Dal 2000 la Consip gestisce anche l’attuazione del programma per la razionalizzazione degli acquisti della Pubblica Amministrazione; soltanto nel 2015 ha deciso su spese pari a 40 miliardi di euro; nel 2016 ha gestito acquisti per 48 miliardi anche se ne ha eseguiti soltanto 8.

fm4 facility management 4 consip
Cos’è la Consip (Adn Kronos)

FM4: chi ha vinto il maxiappalto Consip?

Il Sole 24 Ore ricorda oggi in un articolo a firma di Massimo Frontera che tra i primi in graduatoria di FM4 oltre alla Romeo Gestioni ci sono nomi di aziende tedesche, come Dussman e Bilfinger, e di grandi gruppi francesi, come Veolia e Engie. C’è la Manital di Ivrea e ci sono aziende delle costruzioni e dell’impiantistica come Arco Lavori o Guerrato. Molto rappresentato anche il mondo cooperativo, con la bolognese Manutencoop, Coopservice, il consorzio Ccc, il consorzio toscano Leonardo servizi.

Alcuni operatori risultano primi in vari lotti perché il regolamento concede a ciascun concorrente di acquisirne fino a quattro. Ed ecco allora tutti i primi classificati, come risulta dall’ultimo aggiornamento della graduatoria, in cui l’impresa Manital ha chiesto e ottenuto di essere reintegrata. E proprio la Manital di Ivrea, fondata da Graziano Cimadom, risultata prima in quattro lotti per un importo totale a base d’asta di 662 milioni. Manital guida una cordata con aziende specializzate in singoli settori (PFE, La Lucentezza, La Veneta). Al secondo posto, per volume di importo a base d’asta, c’è Romeo Gestioni (insieme al soggetto operativo Consorzio stabile Romeo).
La bolognese Manutencoop risulta prima in quattro lotti, con 532 milioni di importo complessivo. Manutencoop ha nella sua rete tutte le professionalità necessarie a svolgere il servizio. Il raggruppamento guidato dalla francecse Cofely (con Energie Locali, Colser, consorzio nazionale coop Pluriservizi, Consorzio stabile Gisa e Florida2000) avrebbe acquisito due lotti per 233 milioni. In ciascuno degli altri lotti i migliori punteggi risultano essere dei raggruppamenti guidati dall’impresa Guerrato, con Ciclat e Miorelli (lotto 4 da 128 milioni); dal consorzio Leonardo, con Ph Facility, Cpl e Sof (lotto 6 da 117 milioni); da Dussman con Siram (lotto 9 da 91 milioni); da Cipea, con Arco lavori, Omnia Servitia e Clean service (lotto 12 da 130 milioni) e, infine, da Mac, con Gaetano Paolin, Tecne e Servizi generali srl (lotto 17 da 190 milioni).

fm4 facility management 4 consip 1
FM4 Consip: i 18 lotti

Sul sito Consip è presente anche l’archivio storico delle gare FM4.  L’ipotesi di corruzione contestata a Romeo è relativa, secondo gli inquirenti, alla consegna di somme di denaro al dirigente Consip Marco Gasparri (anche lui indagato) per ottenere appalti “cuciti su misura”.

Leggi sull’argomento: Alfredo Romeo: la storia dell’indagine su Consip