Opinioni

Cosa dice il M5S sullo sgombero del Corto Circuito?

Nessuno sgombero, ci avevano detto che gli occupanti sarebbero potuti rientrare. Secondo il consigliere capitolino del MoVimento 5 Stelle Pietro Calabrese quella del Corto Circuito non è una chiusura definitiva: “Andremo a verificare la situazione, si tratta di un intervento delle forze dell’ordine su segnalazione di alcuni cittadini che avevano segnalato un pericolo di incendio perche’ su una struttura sono stati fatti interventi di tamponatura con paglia e fieno, una pratica che in realtà è omologata e viene utilizzata da molte aziende. Abbiamo ricevuto soltanto stanotte l’ordinanza di Questura e Prefettura, ma ci hanno assicurato che non ci sarebbe stato alcuno sgombero e che gli occupanti sarebbero potuti rientrare nei locali nel momento in cui le strutture segnalate come pericolose sarebbero state sequestrate e messe in sicurezza”, ha detto Calabrese.

corto circuito sgombero
Lo sgombero del Corto Circuito (Twitter)

“Alcune persone, però, ci hanno detto che sono stati sequestrati addirittura pc e altri oggetti, per cui andremo a verificare. Se fosse cosi’ ci sembra che tutto vada nella direzione di metterci contro i cittadini. Ora sul posto c’e’ gia’ il nostro presidente del Municipio insieme ad alcuni consiglieri che stanno valutando la situazione, ci saranno comunicazioni”, ha proseguito Calabrese. Per il consigliere pentastellato “ci sono situazioni in cui le occupazioni svolgono sul territorio un servizio sociale mancante, perciò queste cose vanno valutare caso per caso, come invece va bastonato chi ha lucrato. Sul patrimonio, comunque, sono al lavoro in Campidoglio tre presidenti di commissione, Cultura, Patrimonio e Politiche sociali”.

Leggi sull’argomento: Lo sgombero del centro sociale Corto Circuito