Attualità

Claudio Pinti: ecco a voi l’untore negazionista dell’AIDS

claudio pinti

Claudio Pinti, 35 anni di Ancona, è stato arrestato ieri con l’accusa di aver provocato lesioni personali gravissime all’ex fidanzata contagiandola con il virus dell’HIV. Pinti infatti sa di essere sieropositivo almeno dal 2009 e secondo gli inquirenti potrebbe aver infettato oltre 200 persone. Pur sapendo di aver contratto l’HIV Pinti non ne avrebbe mai fatto menzione ad alcuno continuando ad avere rapporti sessuali non protetti con donne, uomini e transessuali.

Claudio Pinti crede che l’HIV sia un anticorpo e che l’AIDS non esista

Che Pinti sia un negazionista dell’HIV e dell’AIDS lo ha dichiarato una sua ex fidanzata, quella che l’ha denunciato. La donna ha raccontato agli inquirenti che Pinti le ha detto:«Sì, una volta ero sieropositivo ma poi ho rifatto gli esami e non è risultato più niente. L’Hiv non esiste, è una balla, sono i farmaci che ti ammazzano». Il pensiero dell’uomo è sostanzialmente lo stesso dei tanti che – su Internet e nel mondo reale – sostengono che l’HIV non causi l’AIDS. Insomma il virus dell’HIV sarebbe una colossale truffa messa in piedi dalle solite case farmaceutiche. Lo dicono anche diversi medici (ed ex medici) come Domenico MastrangeloRoberto Gava Gabriella Mereu. Naturalmente nessuno di costoro ha mai fornito una prova scientifica ma si limitano a proporre “ragionamenti” e congetture che dovrebbero dimostrare che hanno ragione.

claudio pinti negazionista aids untore novax- 4
Claudio Pinti con Giovanna Gorini, la moglie morta per Aids nel 2017 foto via Facebook.com

Stando a quanto riporta il sito Cronache Ancona il trentacinquenne avrebbe sostenuto la sua teoria sul HIV e AIDS anche di fronte agli inquirenti ai quali avrebbe dichiarato di ritenere che l‘HIV non è un virus ma un anticorpo. Come ha spiegato al Corriere della Sera Marcello Tavio, direttore della divisione malattie infettive dell’ospedale Torrette di Ancona e vicepresidente della Società italiana di malattie infettive e tropicali: «Credere che l’Hiv non determini l’Aids è una delle fake news più pericolose, che ha già mietuto molte vittime». A quanto pare in Italia ci sono diverse persone che credono a questa bufala che è tutt’altro che innocua se a crederci è una persona sieropositiva.

Il post di Pinti contro la legge Lorenzin

Il sospetto degli inquirenti che l’uomo possa aver infettato anche la moglie, Giovanna Gorini, morta a 32 anni, il 24 giugno scorso, dopo aver contratto anche il virus. A quanto pare Pinti le avrebbe impedito di curarsi e al tempo stesso avrebbe continuato ad intrattenere relazioni e rapporti extraconiugali. Agli agenti della Polizia che si sono presentati per arrestarlo Pinti ha detto: «In questi anni l’ho fatto con 228 partner diversi, se volete vi aiuto a cercarli». Per questo motivo la Polizia ha diffuso un appello e messo a disposizione un numero di telefono (071.2288595) per poter consentire a chi ha avuto incontri sessuali con Pinti (e quindi alle potenziali vittime) di farsi avanti.

claudio pinti negazionista aids untore novax- 5

In queste ore il profilo Facebook di Claudio Pinti, che ha alcuni post pubblici con attivata la possibilità di commentare, è stato preso d’assalto da una folla inferocita di utenti che si sfoga insultandolo o augurandogli di “finire in cella con tre africani” (questa è giusto un filino razzista eh). Ma per una malintesa concezione della par condicio c’è anche chi insulta gli amici (su Facebook) di Pinti che non avrebbero fatto nulla per fermarlo e anche chi se la prende con le “donne di facili costumi” che sono andate a letto con l’untore.

claudio pinti negazionista aids untore novax- 2
Il post con la vignetta anti Lorenzin di Marione condiviso da Pinti

Un altro aspetto curioso emerso dalle investigazioni condotte da alcuni utenti sul profilo Facebook di Pinti è che sembrerebbe che l’uomo possa essere anche un free-vax. Nel maggio dell’anno scorso infatti Pinti ha condiviso una vignetta del disegnatore Marione dove si vede una Beatrice Lorenzin dalle fattezze mostruose inseguire un tenero marmocchio per vaccinarlo. Non risultano altri post (pubblici) di Pinti a favore della libertà vaccinale. L’untore ha una figlia – avuta dalla compagna morta di AIDS – che attualmente è affidata ai genitori del padre.

Leggi sull’argomento: Tutte le fregnacce di Salvini in Senato su Aquarius e rifugiati