La macchina del funky

Cicchitto e Lorenzin vanno con Renzi

lorenzin decreto vaccinazioni obbligatorie scuola decreto cdm - 1

Si allarga il parterre de roi della gioiosa macchina da guerra (cit.) che il segretario del Partito Democratico Matteo Renzi sta approntando per le prossime elezioni. Dopo la prestigiosa adesione di nientepopodimenoché Pierferdinando Casini, infatti, arrivano anche, come preannunciato, addirittura Fabrizio Cicchitto e Beatrice Lorenzin, che dall’alto delle centimigliaia di milioni di voti che valgono sicuramente potranno fungere da ago della bilancia

Voi insistete a voler andare con Renzi ma in questi anni di collaborazione non è stato molto generoso nel riconoscervi un ruolo, non trova?
«Per niente generoso. Ma la politica ha una logica che prevale anche sugli errori politici che Renzi ha commesso. E, bon gré mal gré, lui ha bisogno di un’area di centro, e noi vogliamo essere coerenti con quel che abbiamo fatto in questi cinque anni di governo».
Facendo una lista alleata al Pd…
«Faremo una lista centrista, autonoma, anche con altre forze di centro con cui dovremo parlare nelle prossime ore».

fabrizio cicchitto
The Dark Side of Fabrizio Cicchitto (vignetta di El GiVa)

Fa sapere infatti Cicchitto in un’intervista alla Stampa che è tutto pronto a parte il simbolo: l’assemblea del partito dovrà riunirsi per decidere a chi andrà (e immaginiamo che ci sarà da litigare furiosamente vista l’incredibile popolarità del brand).

Chi guiderà questa lista? Beatrice Lorenzin?
«È possibile ma non sicuro. Dovremo vedere con i nostri interlocutori».
In questo divorzio consensuale chi terrà il nome di Alternativa popolare?
«Questo fa parte delle cose che dovremo vedere da qui a domani alle 18 (oggi, quando torneranno a riunirsi, ndr.)».

Si va quindi a piccoli passi verso un trionfo annunciato.