Attualità

Casalino dice che lui non manda messaggi sulla fidanzata di Di Maio

Dagospia aveva pubblicato un messaggio ricevuto sul telefono. Il portavoce di Conte smentisce di averlo scritto

dagospia rocco casalino

Nei giorni scorsi Dagospia ha pubblicato un messaggio di Rocco Casalino in cui si faceva sapere che Luigi Di Maio sarebbe stato alla prima del Teatro dell’Opera con la sua nuova fidanzata Virginia Saba. Oggi Rocco Casalino ha smentito in una nota stampa di aver inviato quel messaggio:

“E’ bene fare chiarezza rispetto al fatto che gli inviti alla stampa in occasione della prima al Teatro dell’Opera di Roma non sono competenza del sottoscritto. Tutt’altro. Chi continua a pubblicare fake news sulla mia persona dovrebbe sapere che gli inviti a giornalisti e fotografi per una prima del Teatro dell’Opera va da sé che siano mandati dal Teatro stesso.

E’ inoltre difficile immaginare quale interesse avrei avuto a convocare personalmente la stampa a recarsi quindi a un evento la cui copertura mediatica sarebbe stata in ogni caso ampiamente assicurata oltre che dall’importanza della serata in sé anche dalla partecipazione di personalità del calibro di premi Oscar come Roberto Benigni”. E’ quanto dichiara Rocco Casalino, portavoce del premier Giuseppe Conte, in merito alla serata per la prima dell’Opera di Roma alla quale ha partecipato il vicepremier Luigi Di Maio.

rocco casalino di maio fidanzata teatro opera

Nei giorni scorsi i giornali avevano parlato di uno show teleguidato da Rocco Casalino: «Mai, a memoria d’uomo, si ricorda un esponente di primo piano del governo che abbia sentito il bisogno di organizzare un evento (nel caso di specie Di Maio si è dovuto sorbire la prima dell’ «Orfeo e Euridice» di Gluck, opera di non proprio facilissimo accesso per i principianti) per far sapere ai media di aver trovato una fidanzata. Né si ricorda un capo ufficio stampa della presidenza del Consiglio che si occupi di promuovere sui media la vita sentimental-mondana dei ministri. Ma non a caso questo è il «governo del cambiamento».

Leggi anche: Genoa-Juve, Sturaro e i 18 milioni: tutti gli elementi del complotto perfetto