Attualità

La foto segnaletica di Carola Rackete

foto segnaletica carola rackete

Sta circolando in queste ore uno scatto che ritrae la capitana della Sea Watch 3 Carola Rackete mentre viene fotosegnalata dalla polizia a Lampedusa. Uno degli scatti ha il logo dell’agenzia di stampa Adn Kronos.

La foto segnaletica di Carola Rackete

Circolano in rete però altri scatti. Come ad esempio questo, che reca la scritta “Foto sul muro di Giancarmine Bonamassa” e quello che sembra un link a VKontakte, il social network russo utilizzato da chi vuole avere un’alternativa a Facebook e spesso citato dai sovranisti come luogo “libero” in cui non ci sarebbe la “censura” operata dal social network blu.

foto segnaletica carola rackete

 

In molti ipotizzano che la foto segnaletica di Carola Rackete postata su VK sia in realtà un falso. La foto è presente sul sito dell’Adn Kronos a questo link e sembra essere stata postata il 29 giugno scorso. C’è chi sostiene che la pubblicazione della foto di Carola mentre le scattano la foto segnaletica costituisca una violazione dell’articolo 8 del codice deontologico dei giornalisti, che al comma 2 recita: “2. Salvo rilevanti motividi interesse pubblico o comprovati fini di giustizia e di polizia,il giornalista non riprende né produce immagini e fotodi persone in stato di detenzione senza il consenso dell’interessato”.

foto segnaletica carola rackete 1

C’è anche chi indica un link a questo utente su Vkontakte che pubblica centinaia di foto e meme su Carola e il Partito Democratico ma non si trova più quello “incriminato”. Il commissario dell’Autorità Garante delle TLC Antonio Nicita dice su Twitter che farà una segnalazione all’Agcom per conoscere l’origine della foto. La diffusione di foto segnaletiche è stata sanzionata in altre occasioni dal Garante per la Privacy.

foto segnaletica carola rackete giancarmine

La pubblicazione della fotografia segnaletica di Carola Rackete sembra anche un modo per avere un trofeo da esporre da parte di chi sente di aver vinto “la guerra”, anche se la guerra di uno Stato contro una barca con 42 naufraghi a bordo pare difficile da festeggiare, se si è sani di mente. Qualcuno ha trovato il il profilo della persona che ha postato la foto sul social network russo Vk:

 

La foto è stata scattata dentro l’hotspot di Lampedusa dove è stata portata per essere fotosegnalata la mattina dopo l’arresto.  Il Questore di Agrigento “nella giornata di ieri, nell’apprendere della diffusione di un’immagine che ritraeva Carola Rachete in una fase del fotosegnalamento avvenuto negli uffici a Lampedusa, ha immediatamente avviato una inchiesta interna finalizzata a ricostruire l’accaduto. L’accertamento -sottolinea una nota- ha dato inizio ad un procedimento disciplinare e gli atti sono stati trasmessi all’Autorità Giudiziaria competente”.

 

Leggi anche: L’intervista inventata del Corriere a Carola Rackete