Opinioni

Carlo Sibilia vuole le scuse di Matteo Renzi

Carlo Sibilia vuole le scuse di Matteo Renzi. Il deputato grillino già querelato dal PD e offeso qualche giorno fa da un consulente di Palazzo Chigi si è arrabbiato per quello che ha affermato il presidente del Consiglio durante Otto e 1/2: «Quando trovo Carlo Sibilia che insulta il PD e che per essere archiviato ha necessità di rispolverare il tema dell’immunità…»

Scrive Sibilia:

Renzi su twitter e da RTL 102.5 chiede “rispetto nei rapporti politici in questo paese”. Sono contento che proprio lui abbia pronunciato queste parole. Spero che dia il buon esempio. Mi aspetto le scuse per la falsità detta nei miei confronti in diretta su Otto e Mezzo a La7. Caro Matteuccio anche le pietre sanno che il MoVimento 5 Stelle rinuncia all’immunità parlamentare. Quindi hai detto una balla colossale in diretta nazionale gettando discredito su di me e su milioni di sostenitori della prima forza politica nazionale dal 2013. Per riparare mi aspetto le scuse e spero che questo video faccia più condivisioni degli spettatori di quel programma tv (non credo ci voglia molto).

Renzi in effetti ha sbagliato obiettivo. Chi è stato protagonista di una vicenda simile a quella raccontata dal premier a Otto e 1/2 è Mario Michele Giarrusso, che prima chiese l’insindacabilità (una forma di immunità) per non rispondere in tribunale quando è stato chiamato a giudizio per diffamazione dalla deputata dem Maria Gaetana Greco, adducendo motivazioni economiche…
michele giarrusso avvocato
…e poi di fronte alla poderosa strigliata dei suoi colleghi alla fine rinunciò. Nicola Morra invece qualche tempo fa ha chiesto l’insindacabilità per una richiesta di risarcimento danni.