Tecnologia

Bre Payton: la vera storia della commentatrice antivax che muore per influenza

bre payton antivax influenza

Bre Payton era una commentatrice di Fox News ed editorialisti di siti dei conservatori americani molto in voga. Ieri è morta per le conseguenze dell’influenza suina e per una meningite, e dopo la sua dipartita è stata indicata come una militante antivax: la testimonianza su Twitter di come definisse il vaccino contro la pertosse come portato dal demonio è ancora lì a far bella mostra sui social network. Il sito A Science Enthusiast, che se ne è ricordato e l’ha diffuso per primo, dice però in un edit che è possibile che fosse un tweet “satirico”(ma le sue dichiarazioni contro l’assistenza sanitaria per tutti no), Bre Payton è morta per le conseguenze dell’influenza suina e per una meningite.

Bre Payton: la commentatrice antivaccini muore per influenza?

C’è infatti da sottolineare che a parte quel tweet non si trovano in rete altre prove dell’adesione di Payton all’antivaccinismo, anche se – scrive sempre il sito – la sua contrarietà alla sanità pubblica per tutti è invece fuori discussione, così come il fatto che se si fosse vaccinata ora sarebbe viva. Ma anche il pezzo che le ha dedicato il Los Angeles Times, di solito molto attento alla tematica, non accenna in alcun modo all’antivaccinismo.

bre payton antivax influenza

Ma sulla storia c’è da sottolineare anche altro. Ovvero che dal momento dell’annuncio della sua morte proprio gli antivax si sono scatenati su Twitter nel dare la colpa al vaccino:

bre payton antivax influenza 1

E non finisce mica qui. Perché sui siti sovranisti invece la morte di Bre Payton viene indicata come possibile complotto non solo per colpa dei vaccini, ma a causa del suo tifo per Trump e del fatto che ha raccontato che l’ex capo dell’FBI Robert Mueller ha cancellato messaggi che riguardavano un agente e la sua amante. Ed è proprio in quei siti che si sottolinea che non può essere morta per il vaccino perché era contraria. La macchina del fango funziona anche in retromarcia.

Leggi sull’argomento: L’attacco hacker contro i politici in Germania