Economia

Il bonus-malus per l’acquisto di nuove auto arriva il primo marzo

In base alle emissioni si va da un ultra costo minimo di 1.100 fino a 2.500 euro per le supercar. Sui modelli meno inquinanti sconti fino a 6mila euro

ecotassa ecobonus

A partire dal primo marzo e fino al 31 dicembre 2021 arriva l’Ecotassa dalle auto di lusso fino a quelle medie, anche per finanziare l’ecobonus su quelle elettriche e ibride il cui prezzo ufficiale di listino non supera i 50mila euro (Iva esclusa, valore aumentato di 5mila euro all’ultimo momento). Il Bonus Malus è basato sulle emissioni di CO2, e quindi favorisce il diesel: questo comporta che ci sono suv di taglia medio-grande come le Alfa Romeo Stelvio e le Audi Q5 che non superano la soglia di 160 grammi/chilometri mentre alcuni modelli più popolari sono soggetti all’ecotassa nella loro versione a benzina. Ad esempio le Fiat Tipo e 500L nelle loro versioni top. Ci sono poi modelli di pregio che si tengono sotto la soglia del malus anche se a benzina, come accade per le Mini, le Bmw Serie 3 e le Mercedes Classe E. In ogni caso, visto che il bonus malus è destinato a durare fino a fine 2021, ci potrebbero essere cambiamenti. Sia con la riomologazione di alcune auto che si collocano poco sopra la soglia di malus sia con l’introduzione di nuovi modelli, soprattutto ibridi.

ecotassa
Ecotassa, le modifiche (La Stampa, 18 dicembre 2018)

Spiega oggi Il Sole 24 Ore:

L’ecotassa minima sarà di 1.100 euro e varrà per la fascia di emissioni 161-175 g/km, in cui rientrano per esempio le versioni a quattro ruote motrici della Jeep Renegade. Poi si passa ai 1.600 euro tra i 176 e i 200 g/km, dove troviamo buona parte della gamma Land Rover a benzina. Da 201 a 250 g/km (con molte Porsche e la Ferrari Portofino) l’ecotassa sale a 2.000 euro. Oltre i 250 ci sono solo supercar e si pagano 2.500 euro. Quanto all’ecobonus, ci sono un’esclusione per i modelli con prezzo superiore a 50mila euro (Iva esclusa) e una graduazione secondo il livello di emissioni di CO2 e il fatto che si rottami o meno una vettura di classe Euro da zero a 4.

Nella fascia 0-20 g/ km (riservata sostanzialmente alle elettriche “pure”) ci sono 6.000 euro di bonus con rottamazione e 4.000 euro senza. La fascia 21-70 g/km dà diritto a 2.500 euro con rottamazione e a 1.500 senza e per semplificare si dice che vi rientrino le ibride. Ma non è proprio così: ci sono modelli ibridi che sforano i 70 g/km anche se non sono grandi e potenti: è il caso della più piccola delle Lexus, la CT. Per ciclomotori e motoveicoli a due ruote il bonus, pari al 30% del prezzo di acquisto (non di listino) con un massimo di 3.000 euro e limitato ai soli modelli ibridi ed elettrici di potenza fino a 11 kiloWatt, scatta solo in caso di rottamazione (della stessa categoria con classe ambientale 0-2) e non è accompagnato da alcun malus.

Leggi sull’argomento: Saldo e stralcio: il decimo condono e il presunto favore ai padri di Di Maio e Di Battista