Politica

Bolsonaro non ha (ancora) riconosciuto la vittoria di Lula alle elezioni

neXt quotidiano|

Bolsonaro

Alla fine ha vinto per quasi 2 punti percentuali. Un ballottaggio che si è concluso sul fil di lana, con una rimonta avvenuta nel corso dello scrutinio: Inacio Lula è stato eletto, per la terza volta, Presidente del Brasile. Sconfitto, dunque, Jair Bolsonaro che entra nella storia del Paese come unico Presidente uscente a non essere rieletto per un secondo mandato consecutivo. Ma come l’avrà presa il leader della destra brasiliana? Per il momento non benissimo. Perché i suoi canali social (e non solo) sono caduti in un silenzio che fa più rumore delle parole.

Bolsonaro non ha ancora riconosciuto la vittoria di Lula alle elezioni

Nessun tweet, nessun discorso pubblico mentre il conteggio delle schede proseguiva e indirizzava il risultato elettorale verso un terzo mandato nelle mani del suo “rivale” politico Lula. Jair Bolsonaro ha preferito non proferire parole. Nessuna congratulazione nei confronti del suo avversario e, soprattutto, nessun riconoscimento ufficiale della sua sconfitta. Un qualcosa che ricalca in pieno l’atteggiamento tenuto da Donald Trump negli Stati Uniti il 3 novembre del 2020, quando l’allora numero uno della Casa Bianca venne sconfitto da Joe Biden.

I cronisti che si trovavano all’esterno del palazzo Presidenziale di Brasilia hanno raccontato di aver visto le luci delle stanze di Bolsonaro spegnersi attorno alle 22.06 (ora locale). Proprio mentre lo spoglio era in corso, proprio mentre lo scrutinio stava ribaltando quel risultato che vedeva in testa il Presidente uscente. Perché nelle prime fasi del conteggio dei voti, il leader della destra sembrava essere leggermente in testa. Poi, però, i sondaggi della vigilia sono stati confermati e la distanza tra i due è stata di circa 2 milioni di consensi in favore di Lula. E lo staff di Bolsonaro avrebbe risposto ai Ministri che avevano provato a contattarlo: “Il presidente è andato a dormire”. Sonni poco tranquilli, ma molto silenzioni.

(foto IPP/imagostock)