La macchina del funky

Beppe Grillo non va in piazza perché c'è poca gente

beppe grillo luigi di maio

Lo hanno atteso invano prima a pranzo, poi nel pomeriggio e infine in serata. Beppe Grillo è arrivato a Roma e ieri avrebbe dovuto partecipare alla manifestazione contro il Rosatellum Bis a Piazza Monte Citorio. Ma, scrivono oggi molti giornali tra cui il Fatto Quotidiano, alla fine il Capo Supremo del M5S non si è presentato perché c’era troppa poca gente:

Sempre in trincea contro il Rosatellum, ma senza il fondatore. Sceso a Roma ma poi rimasto nel suo albergo, perché la piazza dei Cinque Stelle non era adeguatamente piena. Beppe Grillo, ormai ex capo del M5S, manda all’aria i piani del Movimento disertando il secondo giorno di presidio davanti a Montecitorio. Militanti, parlamentari e cronisti lo aspettano dall’ora di pranzo fino a sera inoltrata.
DALLE 13.30 è un rosario di interventi sul palchetto davanti alla Camera, spostato verso Montecitorio per permettere a Grillo di salirvi con più facilità. Ma il garante non si fa vedere. La delegazione arrivata nel suo albergo nel pomeriggio, composta dai capi della Comunicazione dal deputato Alfonso Bonafede riparte senza di lui. “Forse la piazza non è quella giusta” dicono in diversi. Ossia non c’è abbastanza gente. Di certo il colpo d’occhio è inferiore a quello di mercoledì. E allora niente Grillo. Neppure alla Camera, perché c’era anche l’ipotesi di una sua apparizione sugli spalti.

beppe grillo piede
Luca De Carolis spiega che però i 5 Stelle stanno pensando a dimissioni di massa per cercare di fermare l’approvazione in Senato:

Ma si pensa anche ad altre mosse, “pure in Parlamento”. Qualcuno sussurra di dimissioni di massa, come gesto simbolico. Però sono voci isolate. “Ora bisognerà costruire, e non sarà facile”scandisce Fico. Di certo si dovrà riflettere. Comunque assieme a Grillo, domani previsto a Marino per l’evento che annuncerà il candidato governatore dei 5Stelle nel Lazio (favoritissima la deputata Roberta Lombardi).