Economia

Banca Popolare di Bari, l’indennizzo negato all’azionista

Poco esperto di mercati, si era già scottato con delle azioni Olivetti fatte acquistare negli anni 90; investimento andato male che però evidentemente è stato considerato come un precedente rilevante in fase di giudizio

Un giudice di Bari ha negato indennizzi e risarcimento a un azionista della Banca Popolare di Bari per 350mila euro in una sentenza di primo grado. La storia la racconta oggi Il Sole 24 Ore:

Con la sentenza 4266 del 15 novembre 2019, il giudice monocratico Nicola Magaletti della quarta sezione civile del Tribunale di Bari ha rigettato la domanda di risarcimento di circa 350 mila euro avanzata dal legale di un correntista-azionista che, in più riprese, ha investito quella cifra in azioni della Popolare di Bari dichiarando di non aver firmato in tempo utile i documenti Mifid previsti. Non solo. Il giudice ha condannato il cliente al pagamento delle spese processuali pari a 18mila euro.

Va precisato che la sentenza è stata formulata qualche settimana prima del commissariamento della banca pugliese in seguito al quale sono anche emerse numerose irregolarità nel collocamento dei titoli azionari. Si tratta di una decisione di primo grado che potrebbe essere radicalmente rivista in appello: l’avvocato e il cliente hanno comunque deciso di proseguire nel giudizio, anche alla luce della crisi che si è aperta.

banca popolare di bari
La Banca Popolare di Bari (Il Mattino, 2 dicembre 2019)

Ma veniamo al caso in questione. L’avvocato Filippo Grattagliano, che ha esposto il suo caso all’iniziativa “Filo Diretto” avviata da Plus24 nei giorni successivi al commissariamento, tutela il suo cliente, classe 71, munito solo di licenza media.

Poco esperto di mercati, si era già scottato con delle azioni Olivetti fatte acquistare negli anni 90; investimento andato male che però evidentemente è stato considerato come un precedente rilevante in fase di giudizio. […] Le richieste sono state rigettate in quanto secondo il giudice la banca ha ottemperato a tutti gli obblighi informativi a suo carico. Secondo il legale, il giudice non ha tenuto conto di molti aspetti tra cui la pressoché nulla propensione al rischio e del titolo di studio, del tutto omesso in sentenza. Inoltre la Mifid, secondo l’avvocato, è stata fatta firmare dopo gli acquisti già realizzati negli anni precedenti al 2012.

Leggi anche:  La vera storia del record degli occupati