Economia

Banca Popolare di Bari decide sul CdA

banca popolare di bari 1

Banca Popolare di Bari decide sul CdA e scoppia la tregua tra Jacobini e De Bustis. Il Fatto racconta oggi che le due anime in lotta per la guida della più grande banca del Sud Italia – la famiglia Jaobini e il consigliere delegato Vincenzo De Bustis – hanno trovato ieri l’accordo per rinnovare il consiglio di amministrazione.

In cda entrano Gianvito Giannelli, docente universitario e nipote di Jacobini e Francesco Ago, avvocato e socio dello studio Chiomenti, uno dei più importanti d’Italia. Quest ’ultimo è stato indicato da De Bustis, rientrato a Bari a dicembre scorso e forte del supporto di Via Nazionale. Uno dei due è destinato a diventare il presidente, che verrà indicato dal nuovo cda. L’i n t esa – che prevede la nomina di De Bustis ad amministratore delegato – ha ottenuto la benedizione della Banca d’Italia.

banca popolare di bari numeri

È stata proprio la vigilanza nelle scorse settimane ad alzare la pressione chiedendo con una lettera un ricambio a i vertici dell’istituto, in crisi da tempo (con tanto di nuova ispezione avviata). La lista dei nomi comprende anche i sostituti dei 4 consiglieri in scadenza e del vicepresidente, dopo le dimissionidi GiulioSapelli (l’economista èstato per giorni tra i papabili per il dopo Jacobini), ma sulle identità c’è riserbo. Al nuovo cda spetterà un compito complicato. Mercoledì la banca ha rettificato nuove perdite, che portano il “rosso”del 2018 a 420 milioni e riducono i coeficenti patrimoniali poco sopra i minimi regolamentari Srep.

L’obiettivo di peso è procedere a una fusione per poter beneficiare dei 500 milioni di crediti fiscali da computare a capitale in caso di fusione con un altro istituto del Sud grazie a una norma del decreto Crescita. La prima indiziata è la Popolare di Puglia e Basilicata.

Leggi anche: L’incidente sfiorato a Venezia dalla Costa Deliziosa è colpa di Toninelli?