Opinioni

Gli sciacalli dell'attentato di Barcellona

L’attentato di Barcellona ha già scatenato gli sciacalli. Il primo a parlare è il direttore del Giornale Alessandro Sallusti, che approfitta della strage per prendersela (non si capisce a che titolo) con Laura Boldrini.
attentato barcellona sallusti
Anche Enrico Mentana ha notato che personaggi notoriamente silenti in altre circostanze oggi si sono appena svegliati:
attentato barcellona sciacalli
Poi c’è Dj Aniceto che ha appena scoperto il rimedio al terrorismo garantito al 100% soddisfatti o rimborsati:
attentato barcellona aniceto
Mentre Luca Marsella, candidato di Casapound al X Municipio di Ostia, parla a vanvera di Ius Soli (che non c’entra niente con il passaporto, anzi):
attentato barcellona marsella
Nel gruppo c’è da segnalare anche Roberto Calderoli: “Una preghiera per le vittime di Barcellona. E un ragionamento sui bersagli del terrorismo islamico: Francia, Belgio, Gran Bretagna, Germania, Svezia. E oggi la Spagna. Ormai il terrorismo è nel cuore di un’Europa che ha rinunciato a difendersi ed è incapace di difendersi”, afferma il senatore, responsabile Organizzazione e territorio della Lega. “La Spagna – aggiunge – finora aveva avuto un ruolo defilato rispetto a quanto accadeva in Siria e Iraq, non ha avuto un ruolo nel contrasto militare all’Isis eppure è stata ugualmente colpita. Questo significa che chiunque può essere colpito. Per cui la domanda adesso è: a chi toccherà la prossima volta? Chi sarà il prossimo? Europa svegliati, visto che non sei in grado di difenderti devi cambiare strategia e attaccare, perché in questi casi la miglior difesa è l’attacco”.

Leggi sull’argomento: Driss Oukabir: arrestato uno degli attentatori della Rambla di Barcellona