Economia

Alitalia, Lufthansa si allontana (e il fallimento si avvicina)

alitalia

Lufthansa chiede che Alitalia sia «ristrutturata e ricostruita» in una newco prima di metterci dei soldi. Spiega oggi Repubblica che al netto di un eventuale accordo tra Angela Merkel e il premier Conte, nel corso del bilaterale di lunedì prossimo che potrebbe sbloccare la situazione, il passo indietro di Lufthansa mette in stallo il negoziato.

Il numero uno Carsten Spohr ha ribadito che il gruppo è interessato «solo ad investire in una nuova Alitalia ristrutturata», e quindi al termine di un’operazione di “dimagrimento” forzato dell’azienda, con almeno 2.800 esuberi e un taglio di 20 aerei dalla flotta. Una ristrutturazione dalla quale i tedeschi vogliono stare a distanza di sicurezza, sia per non impantanarsi in una pesante bagarre sindacale e sia per evitare uno scontro interno all’azienda. A quanto risulta, infatti, durante il cda di mercoledì sera, sarebbero emersi con forza i dubbi della maggioranza dei consiglieri, contrari ad un intervento diretto — da 150 milioni di euro — in Alitalia.

alitalia
I numeri di Alitalia citati dal Sole 24 Ore (3 novembre 2019)

Ecco perché l’ombra del fallimento e dei libri in tribunale, dopo un commissariamento di 30 mesi e uno spreco di denaro pubblico (circa un miliardo), non sono più un’ipotesi remota:

Soprattutto se i 400 milioni di nuovo prestito che il governo ha predisposto nella manovra non dovessero arrivare: la disponibilità è infatti legata all’esito positivo del negoziato tra Fs e Atlantia, con Delta alla finestra e con Lufthansa che sembra defilarsi. Il termine fissato da governo e commissari resta il 21 novembre. Se per quella data non emergessero novità allora per Alitalia potrebbe avverarsi l’incubo di un cammino senza denaro fresco e un piano di rilancio serio. Qualcuno ricorda il “grounding”, ovvero la messa a terra di tutti gli aeroplani Swissair avvenuto nell’ottobre del 2001.

Leggi anche: Alitalia, il ministero sospende i soldi per le ferie