Tecnologia

Gli insulti sessisti dei leghisti all’autrice della Salvineide

alice uli protto salvineide insulti - 1

A Vercelli alla fine ha vinto Andrea Corsaro, candidato sindaco del Centrodestra unito. Ma questo la cantante Alice “Uli” Protto non lo sapeva quando ha composto e pubblicato la sua Salvineide. La canzoncina è una rilettura, aggiornata ai nostri tempi, della famosa Badoglieide uno dei canti popolari della Resistenza (scritta tra gli altri da Nuto Revelli).

La Salvineide di Alice Uli Protto

La canzone è stata pubblicata su Youtube e su Facebook il 24 maggio, giorno della chiusura della campagna elettorale e della visita di Matteo Salvini a Vercelli, città dove vive anche la cantante. L’intento non era certo quello di ribaltare le sorti del voto, quanto piuttosto quello di dedicare uno striscione cantato al ministro dell’Interno. Uno di quelli che è difficile far levare dai balconi, perché pubblicato su bacheche e balconi virtuali.

Chissà se invece Alice pensava che oltre alla pioggia di complimenti da parte di molti utenti che evidentemente non votano Salvini sarebbe arrivata anche la scarica d’odio dei sostenitori della Lega indignati e offesi per una canzoncina. Perché si sa che per il Capitano vale la regola “niente critiche solo complimenti” e questa regola va fatta rispettare da tutti, anche da chi non la pensa esattamente come l’elettore-tipo della Lega.

Ormai la Bestia dell’odio non ha più bisogno del suo domatore

Questa volta non c’è stato nemmeno bisogno che il ministro dell’Interno mettesse alla gogna l’autrice del brano come al solito: i patridioti sono arrivati lo stesso. Ormai la “Bestia” si muove da sola, e ci si chiede quanto controllo ne abbiano quelli che l’hanno nutrita e allevata amorevolmente in questi anni a suon di insulti, bacioni e inviti ad andare a mangiare pane e Nutella. Certo: Salvini e Morisi non hanno inventato nulla, hanno solo imbrigliato a fini elettorali il compost fertile dell’Internet che ha voglia di insultare e odiare. Ma per farlo hanno dovuto dare in pasto alla Bestia cittadini, politici, donne e ragazzine “colpevoli” di non stare sulla stessa barca del Capitano.

alice uli protto salvineide insulti - 13
Fonte: I Sentinelli di Milano via Facebook.com

L’istinto del patridiota è quello di insultare. Se la vittima è una donna tanto meglio perché oltre al classico zecca buonista le si può dare anche della troia e della zoccola. Oppure si possono fare raffinate perifrasi degne di Omero per suggerire cosa dovrebbe fare l’autrice della canzone con quella chitarrina, o con quello che ha in mezzo alle gambe.

alice uli protto salvineide insulti - 2 alice uli protto salvineide insulti - 9 alice uli protto salvineide insulti - 6alice uli protto salvineide insulti - 7 alice uli protto salvineide insulti - 5

Non sfuggirà di certo ai vari sostenitori della brigataVoltaire come interazioni social del genere difficilmente possano essere considerate come un legittimo diritto ad esprimere la propria opinione che va assolutamente tutelato. Anche chi dice che gli insulti sono l’altra faccia della medaglia della democrazia e che ci si deve sorbire bordate di merda digitale perché si ha avuto l’ardire di esternare al mondo il proprio pensiero forse dovrebbe rivedere le proprie posizioni.

alice uli protto salvineide insulti - 11 alice uli protto salvineide insulti - 10 alice uli protto salvineide insulti - 4

Essere assaliti ogni volta che si dice quello che pensa da orde di sconosciuti che ci tengono a farti sapere cosa farebbero con te se avessero cinque minuti a disposizione non è affatto piacevole. E non è affatto un sottoprodotto della democrazia. È invece il prodotto della mancanza di una cultura politica che sappia rispondere in modo pertinente alle critiche. Perché nessuno vuole vietare a chi non apprezza la Salvineide di dirlo, si può anche benissimo farlo usando toni “forti”. Ma questo è puro distillato d’odio, che va combattuto, non tollerato.