Opinioni

Alberto Airola e l'sms alla Cirinnà sulle Unioni Civili

Alberto Airola stamattina ha ammesso di essere lui l’autore dell’sms inviato a Monica Cirinnà in cui si sosteneva che il MoVimento 5 Stelle era pronto a votare l’emendamento Marcucci sulle Unioni Civili. Il senatore Airola si è difeso su Facebook:

Voglio fare chiarezza sullo scambio di messaggi che io stesso ho avuto con la senatrice Monica Cirinnà e che il Pd sta utilizzando come pretesto per accusare di inaffidabilità il Movimento 5 Stelle e giustificare la sua decisione di fare una legge sulle unioni civili al ribasso con l’appoggio di Alfano e Verdini.
La senatrice Cirinnà ha voluto forzare la mano e ha interpretato come definitivo il senso di un messaggio nel quale mi limitavo a riferire l’esito di un primo incontro del gruppo di lavoro del M5S sulle unioni civili, incontro nel quale si era presa in considerazione, tra le tante opzioni possibili, anche la possibilità di votare l’emendamento Marcucci in caso di paralisi dell’aula. Ma come io stesso ho precisato in quel messaggio, quella non poteva in nessun modo considerarsi la posizione ufficiale e definitiva del Movimento, perchè a pronunciarsi doveva essere l’assemblea dei senatori del Movimento, l’unica titolata a decidere in merito e poi a comunicare la decisione all’esterno attraverso il capogruppo. L’unica posizione ufficiale del Movimento, infatti, è stata solo e soltanto quella espressa l’indomani, dopo che l’assemblea prese la decisione di votare per il no all’emendamento premissivo, scartando l’ipotesi di un ok al canguro che all’inizio era stata vagliata insieme alle altre possibilità. Il PD questo lo sapeva benissimo perchè conosce le regole del Movimento e tutti, compresa la Cirinnà, sanno che le posizioni ufficiali di una forza politica sono quelle espresse capogruppo e non da un singolo via sms

sms cirinnà airola canguro 2
Le spiegazioni di Airola sull’sms alla Cirinnà riguardo le Unioni Civili e l’emendamento Marcucci

Airola però sembra voler modificare il senso e il significato letterale del messaggio che ha inviato alla Cirinnà. L’sms infatti diceva: «Ok, stasera il mio gruppo di lavoro sul tuo ddl ha raggiunto ufficiosamente l’accordo di votareil Marcucci sia integro che spacchettato… O v v i a m e n te mancheranno due-tre voti nostri per la lettera F sulla step magli altri ci sono. Domattina abbiamo la riunione di gruppo che ratificherà la decisione…. Fino ad allora tienitelo per te. MI RACCOMANDO, poi domattina lo diremo noi ufficialmente…Grazie, in bocca al lupo anche a te»
sms m5s cirinnà
L’sms a Monica Cirinnà pubblicato da L’Unità ieri sera

Come è possibile osservare anche a occhio nudo, una decisione da ratificare non è una decisione da prendere; raggiungere ufficiosamente un accordo significa che l’accordo è stato raggiunto, e non che l’accordo si deve ancora raggiungere. Non si è semplicemente presa in considerazione un’opzione possibile, ma si propendeva per quell’opzione secondo Airola. Ciò detto, va ricordato che il senatore Alberto Airola era quello che il 3 febbraio scorso sosteneva: «Alla domanda se voteremo compatti ho risposto sì, tutto qua. Sono stufo delle balle che scrivono alcuni giornalisti servi»: Airola parlando del voto dei grillini sulla SA diceva a Monica Cirinnà a proposito della legge sulle Unioni Civili. «I vostri problemi sono vostri, io mi sono rotto i coglioni», perché la senatrice gli chiedeva conto di un articolo comparso sulla Stampa in cui si dipingeva un M5S tentato dal no alla legge a causa della Stepchild Adoption. Il sabato successivo Grillo annunciò la libertà di coscienza per i grillini sulla Stepchild Adoption. Comprereste una legge usata da uno così, voi?
 

Alessandro D'Amato

Il direttore di neXt Quotidiano