Attualità

Agostino Riccardo: il pentito della “mafia sinti” che racconta gli aiuti elettorali dei clan a FdI e Lega a Latina

Il pentito del clan Di Silvio ha rivelato i nomi dei politici che sarebbero stati aiutati durante le elezioni dall’organizzazione criminale. Secondo Riccardo i clan avrebbero aiutato esponenti del partito di Giorgia Meloni e Matteo Salvini ad essere eletti in consiglio comunale a Latina, alla Regione Lazio e anche alla Camera dei Deputati

riccardo di silvio clan lega fratelli d'italia latina - 3

Agostino Riccardo è un ex esponente del clan dei Di Silvio (imparentati con i Casamonica), arrestato nel 2018 nell’ambito dell’inchiesta Alba Pontina sulla mafia sinti di Latina che il 12 giugno del 2018 portò all’arresto di una ventina di membri del clan. Da tempo Riccardo collabora con i magistrati, in particolare facendo rivelazioni sui rapporti tra la politica e i clan della zona. Lo scorso aprile Clemente Pistilli su Repubblica riportava una delle dichiarazioni del pentito riguardo alla spartizione tra i clan per la campagna elettorale: «Abbiamo operato l’affissione dei manifesti il giorno prima delle elezioni contravvenendo al divieto. In tal modo, il giorno dopo a Terracina e a Latinadove avevamo il partito Noi con Salvini, le città erano tappezzate dei manifesti dei candidati che sponsorizzavamo».

Il pentito Riccardo: come i Di Silvio aiutarono gli esponenti di Fratelli d’Italia ad essere eletti

Qualche giorno fa il pentito durante un’udienza ha fatto i nomi dei politici che sarebbero stati aiutati dai Di Silvio, fino ad ora coperti da omissis. «Ci hanno pagato per comprare voti, e ci hanno pagato sapendo bene quali erano i nostri metodi» ha dichiarato Riccardo. I partiti quindi non si sarebbero serviti della criminalità di origine nomade solo per l’attacchinaggio dei manifesti elettorali ma anche per garantirsi pacchetti di voti. Ad esempio in occasione delle elezioni regionali del 2013 Riccardo sostiene che 500 voti provenienti dalla curva del Latina Calcio sarebbero stati “dirottati”- su richiesta dell’allora patron Pasquale Maietta – sull’ex PdL e ora senatore di Fratelli d’Italia Nicola Calandrini. Quei voti, secondo la ricostruzione del pentito, sarebbero dovuti andare a Gina Cetrone (ora con Cambiamo! di Giovanni Toti) ma Maietta decise di spostarli Calandrini.

riccardo di silvio clan lega fratelli d'italia latina -1
Il senatore Calandrini durante un evento della campagna elettorale per le europee 2019

Da parte sua Calandrini invece nega di aver mai chiesto voti ai tifosi del Latina o di aver mai avuto incontri con loro. Al Messaggero l’esponente del partito di Giorgia Meloni ha dichiarato «Se Maietta ha chiesto voti per un collega dello stesso partito non credo sia un’ipotesi di reato. Di certo io non l’ho mai saputo né ho incontrato gente strana, io queste persone non le ho mai conosciute». E proprio Maietta – eletto alla Camera nel 2013 per Fratelli d’Italia – è secondo il pentito Riccardo uno dei politici che si sarebbero avvalsi dell’aiuto dei clan: «La mia prima campagna elettorale abbiamo fatto diventare noi Travali [un altro clan NdR] a Pasquale Maietta assessore al  comune di Latina. Fu candidato e prese mille voti». Riccardo ha poi rivelato che alle elezioni politiche del 2013 gli uomini del clan avrebbero minacciato l’attuale vicepresidente della Camera dei Deputati Fabio Rampelli (sempre di FdI) che era secondo in lista nel suo collegio al fine di fargli optare per un’altra circoscrizione al fine di consentire , secondo il pentito, l’elezione di Maietta (che era terzo in lista dopo Rampelli e Meloni) al Parlamento. Il deputato Rampelli nega di aver mai subito intimidazioni da parte di Riccardo o che ci siano state pressioni di alcun tipo dopo la sua elezione.

L’aiuto dei clan alla Lega nelle rivelazioni di due pentiti

Ma secondo Agostino Riccardo i clan non aiutarono solo gli esponenti di Fratelli d’Italia. Il pentito ha tirato in ballo anche la Lega e il partito di Salvini Noi con Salvini. QuÈ la storia dell’attacchinaggio dei manifesti. Il nome è quello di Matteo Adinolfi, attualmente eurodeputato della Lega e ex AN e già coordinatore provinciale del Carroccio a Latina. Secondo Riccardo alle elezioni comunali del 2016 l’organizzazione portò al leghista «sia visualizzazione che voti. Prese 500 voti». Sempre stando alle dichiarazioni del pentito a pagare per la campagna di Adinolfi sarebbe stato l’imprenditore Raffaele Del Prete, del quale l’europarlamentare era commercialista.

riccardo di silvio clan lega fratelli d'italia latina - 2
L’eurodeputato leghista Matteo Adinolfi

Gia nell’aprile scorso era venuto fuori il nome di Adinolfi e di Del Prete. Secondo Riccardo fu proprio l’imprenditore a contrattare con lui l’attacchinaggio dei manifesti e l’acquisto dei voti, che sarebbero stati pagati 100-150 euro l’uno. Il pentito aveva anche rivelato che alcuni esponenti del clan di cui faceva parte avrebbero partecipato allo spoglio nella «sede della lista elettorale Noi con Salvini». Il nome di Del Prete era emerso anche nelle rivelazioni del primo pentito dell’inchiesta Alba Pontina: Renato Pugliese. Pugliese parlando di Del Prete aveva dichiarato agli inquirenti «abbiamo fatto anche la campagna di Noi con Salvini che ci pagava… perché se avessero vinto le elezioni, l’appalto sui rifiuti sarebbe andato verosimilmente tutto alla sua impresa». L’onorevole Adinolfi ha però nettamente smentito di aver avuto alcun rapporto con Riccardo e anche di aver organizzato l’affissione dei manifesti elettorali durante quella campagna: «attacchinaggio per me non ne hanno fatto di certo, io non ho fatto i manifesti elettorali nel 2016, ho solo affittato una vela e messo un cartellone a Borgo Piave. Per quanto riguarda i manifesti di Noi per Salvini non ero il segretario del partito e non ne so nulla» ha dichiarato al Messaggero. L’eurodeputato sottolinea anche che «i miei voti sono sempre gli stessi, attorno ai 500, nel ’97, nel 2002 e poi nel 2016 quando anzi qualcosa ho perso, quindi non credo mi abbia proprio sostenuto nessuno di questi personaggi se non io, andando di casa in casa, dai miei elettori di sempre».

Leggi anche: «Di Maio vicino a lasciare la guida del M5S»