Economia

Il successone dell’Agenzia delle Entrate sulla fatturazione elettronica

fatturazione elettronica fail app sito - 8

Con l’inizio del 2019 è iniziata l’era della fatturazione elettronica. L’obbligo per tutti i titolari di partita Iva di emettere le proprie fatture via Web e di trasmetterle all’Agenzia delle Entrate è stato introdotto dalla Legge di Bilancio 2018 e come tutte le leggi italiane, sopratutto quelle in materia fiscale è stato accompagnato da numerose polemiche. C’è chi ha detto che la fattura elettronica era inutile ai fini della lotta all’evasione, chi ha spiegato che era un’inutile complicazione e chi ha chiesto al governo Conte di rinviare l’obbligo al 2022.

Il portale dell’Agenzia delle Entrate in tilt

Il fatidico momento è giunto, ma come sempre durante i primi giorni di introduzione di un nuovo servizio si registrano numerosi casi di disservizi o malfunzionamenti. A quanto pare l’Agenzia delle Entrate si è fatta cogliere impreparata al debutto della fatturazione elettronica. Non si sa con certezza quanto estesi siano i problemi, ad esempio il Sole 24 Ore riferiva ieri di essere riuscito a portare a compimento con successo un test dichiarando che il nuovo strumento telematico aveva superato la prima prova sul campo senza intoppi. Il Sole infatti era riuscito ad inviare in pochi minuti una fattura di prova al sistema di interscambio (Sdi).

fatturazione elettronica fail app sito - 7

A quanto pare però diversi utenti hanno riscontrato difficoltà a fare la stessa operazione. In alcuni casi il sistema sul portale dell’Agenzia dell’Entrate non era disponibile per l’operazione, sintomo forse che le risorse sono ancora sottodimensionate rispetto alle necessità e al numero degli accessi.

fatturazione elettronica fail app sito - 4

Anche oggi, 3 gennaio, c’è chi su altri portali riscontra errori dovuti all’impossibilità di “controllare l’esito dell’invio”. Un problema che sembra essere comune a chi utilizza il servizio di fatturazione elettronica di Aruba (e pertanto uno differente rispetto da quello del sito dell’Agenzia delle Entrate).

fatturazione elettronica fail app sito - 6

Come prevedibile i primi giorni saranno di rodaggio. E anche gli utenti dovranno imparare ad utilizzare il nuovo sistema. La speranza è che il sito dell’Agenzia delle Entrate sia in grado di gestire il traffico, altrimenti sarà stato tutto fatto per nulla.

fatturazione elettronica fail app sito - 1

Non mancano quelli che si lamentano dell’eccessiva macchinosità del “marchingegno complicatissimo” che renderà difficile, dicono, la vita a chi già fattura tutto mentre non impatterà minimamente sulle vite di evasori e nullafacenti.

Il fail della App di Agenzia delle Entrate

Gli utenti bocciano su tutta la linea FatturAE, la App disponibile su Play Store per la Fatturazione Elettronica pubblicata dall’Agenzia delle Entrate. In teoria l’applicazione consente ai titolari di partita IVA «che operano per se stessi, ditte individuali o professionisti, di generare, controllare e trasmettere al Sistema di Interscambio (SdI) una fattura elettronica nei formati Fatture PA (Pubblica Amministrazione), Fatture Ordinarie, Fatture Semplificate, Fatture per carburanti, autofatture e note di variazione».

fatturazione elettronica fail app sito - 3

In pratica la situazione è diversa, perché stando alle recensioni impietose degli utenti il sistema non funziona. Molti infatti riferiscono di aver ricevuto tramite la App il messaggio di errore “dispositivo offline impossibile procedere” anche se con le stesse credenziali riusciva ad effettuare il login tramite il portale telematico dell’Agenzia delle Entrate.

fatturazione elettronica fail app sito - 2

Il problema in questo caso sembra essere proprio la app e non il sistema della fatturazione elettronica. Evidentemente c’è ancora molto da lavorare e si spera che con i successivi aggiornamenti le cose potranno funzionare per tutti. Rimane però una domanda: non si poteva arrivare più preparati all’appuntamento con il lancio della fatturazione elettronica obbligatoria? Non è che gli utenti e i titolari di P.Iva hanno alternative, il minimo che si potesse fare era quello di fornire un servizio adeguato.

Leggi sull’argomento: Fattura elettronica, come farla gratis