Attualità

La vera storia dei 300mila euro che Tiziano Renzi chiede a Travaglio e al Fatto

tiziano renzi marco travaglio

Ieri abbiamo riportato l’annuncio di Tiziano Renzi di un processo che inizia il 16 marzo a Firenze contro Il Fatto Quotidiano e Marco Travaglio con una richiesta di danni pari a 300mila euro. Oggi Travaglio sul Fatto dettaglia i termini della questione e quindi scopriamo che le cose sono leggermente diverse da come le ha prospettate il padre di Matteo. In primo luogo, come avevamo ipotizzato, si tratta appunto di causa civile e non di processo penale e il caso CONSIP non c’entra niente: si parla della bancarotta della società che aveva precedentemente venduto. In secondo luogo, la prima udienza si terrà l’11 aprile e non il 16 marzo.

La prima udienza della causa civile intentata da babbo Renzi al Fatto sarà l’11 aprile; non c’entra nulla con la vicenda Consip (si riferisce ad articoli sui suoi affari nel ramo outlet e al fallimento di una sua società, definito “bancarotta” perché all’epoca Tiziano era indagato per bancarotta e nessuno ha mai dubitato che sia fallita); e soprattutto non sarà un’udienza pubblica e nessuno parlerà, perché nel processo civile gli avvocati si limitano a depositare carte e controcarte, poi il giudice decide.
La causa T. contro T. sarà però interessante: oltreché su alcuni articoli del nostro giornale e del nostro sito, verterà sui “messaggi subliminali” e le “foto maliziose” contestati dall’“attore”(che poi è sempre T. nel senso di Tiziano). Messaggi subliminali volti a far credere che il nostro eroe, “agente di commercio”, non faccia affari anche grazie al cognome che porta, ma solo perché è sempre stato un genio del business, una versione vernacola di The Wolf of Wall Street, dotato –lo dice lui –di “una straordinaria capacità professionale ed una vulcanica energia intellettiva”.

tiziano renzi 1

E non da oggi, ma da quando “l’attuale premier non era neppure nato”.Ergo va risarcito per i “danni patrimoniali e non” subiti per le cose(vere)scritte dal Fatto, con una somma “non inferiore a 250 mila euro” (non si sa se al mese o all’anno o una tantum), considerando anche “il patema d’animo sofferto in relazione al contesto sociale” eccetera.

Leggi sull’argomento: I 300mila euro che Tiziano Renzi chiede a Marco Travaglio