Politica

Cosa si può fare dal 18 maggio regione per regione

Da lunedì 18 maggio si riapre tutto o quasi. Con qualche piccola differenza: il Piemonte ha resistito scaglionando le riaperture: bar e ristoranti apriranno sabato 23. In Campania giovedì 21. Tutti passeranno la domenica a scrivere le ordinanze che entreranno in vigore a mezzanotte

Recovery Plan giuseppe conte dpcm Cosa si può fare dal 18 maggio regione per regione

Da lunedì 18 maggio ripartono in blocco le attività nelle regioni per la fase 2 dell’emergenza Coronavirus SARS-COV-2 e COVID-19. L’annuncio di ieri del premier è stato prodromico alle intese con gli enti locali, che sono state comunque in bilico tutta la notte visto che alle 4 di stamattina il ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia segnalava: “Legittime le richieste delle Regioni. L’accordo che riprende le linee guida delle Regioni per le ordinanze sancisce ancora una volta la leale collaborazione tra regioni e governo.Ringrazio i presidenti per aver sempre ricercato una soluzione nell’interesse del Paese. Ogni nuovo passo è fatto su un terreno nuovo per tutti e spesso serve un’assunzione ulteriore di responsabilità”.

Cosa si può fare dal 18 maggio regione per regione

Da lunedì 18 maggio si riapre tutto o quasi. Con qualche piccola differenza: il Piemonte ha resistito scaglionando le riaperture: bar e ristoranti apriranno sabato 23. In Campania giovedì 21. Tutti passeranno la domenica a scrivere le ordinanze che entreranno in vigore a mezzanotte. Spiega oggi Repubblica:

La Liguria batte tutti e d’altra parte Giovanni Toti, insieme a Bonaccini (Emilia Romagna), Zaia (Veneto)e Fedriga (Friuli Venezia Giulia), è stato quello che ha spinto più di tutti. È ancora tra le regioni con un alto numero di contagi ma il suo indice di contagio è allo 0,4 e allora la Liguria riapre da oggi tutto insieme: non solo negozi, bar, ristoranti, parrucchieri, centri estetica, ma anche piscine, centri sportivi e stabilimenti balneari. Ci vorrà una settimana di tempo in più per le spiagge libere della riviera ligure.

«Servono responsabilità e coraggio:ripartire in sicurezza si può e si deve», taglia corto Toti. Si butta anche Fontana consapevole del rischio ancora alto. Milano e la Lombardia non possono rimanere indietro. Negozi, bar, ristoranti, tutte le attività ripartono oggi, ma con obbligo di mascherina anche all’aperto e per i ristoranti di misurare la febbre ai clienti.

regioni rischiano di chiudere
La sorveglianza integrata di COVID-19 (Corriere della Sera, 17 maggio 2020)

Tecnicamente Lombardia, Umbria e Molise si trovano in una situazione di maggiore rischio rispetto alle altre regioni italiane. Le riaperture saranno comunque differenziate, in attesa delle ordinanze che verranno varate oggi. E le differenze nei territori vanno segnalate:

Musei riaperti da domani a Roma: la galleria Borghese e i musei capitolini con le loro mostre. Zingaretti ha già firmato la sua ordinanza. Il Lazio fa ripartire subito anche i tatuatori, i centri commerciali e gli outlet, la nautica da diporto e il pilotaggio aerei. Ripartenza sprint anche per Veneto e Friuli Venezia Giulia che stringono anche un accordo per anticipare i tempi degli spostamenti tra regioni e consentono di ritrovarsi alle famiglie separate da pochi chilometri che vivono nelle zone di confine.

cosa riapre 18 maggio regione per regione
Cosa riapre dal 18 maggio regione per regione (La Repubblica, 17 maggio 2020)

cosa riapre 18 maggio regione per regione 1

cosa riapre 18 maggio regione per regione 2

Il governatore della Toscana Rossi si arrende e firma anche lui la riapertura da oggi di bar e ristoranti oltre a negozi e parrucchieri. «La mia opinione era e resta diversa ma non voglio che la Toscana sia penalizzata rispetto ad quadro nazionale». Resiste invece Cirio. Il Piemonte procederà secondo il timing già fissato: domani solo i negozi e i parrucchieri (che a Torino potranno lavorare sette giorni su sette con un orario continuato di 14 ore) mentre bar e ristoranti dovranno attendere il prossimo weekend.

«I bar e i ristoranti e le altre attività di somministrazione alimenti riapriranno in Piemonte dal 23 maggio — spiega il governatore — Una data posticipata di qualche giorno rispetto a quella nazionale per contemperare le esigenze di cautela con quella di consentire alle attività di ristorazione l’adeguamento alle linee guida definite insieme al governo per la riapertura in sicurezza».

emergenza coronavirus rischio regione per regione
Emergenza Coronavirus: il rischio regione per regione (Il Messaggero, 17 maggio 2020)

Leggi anche: Conte spiega la fase 2 dal 18 maggio nelle Regioni