Attualità

Zangrillo e il manager di Pojana Maggiore in rianimazione per COVID perché “ha preso il virus in Serbia”

Il primario del San Raffaele dice in un’intervista al Corriere che da noi il Coronavirus SARS-COV-2 circola “in modo benigno”. Crisanti non sembra essere molto d’accordo

“Tutti i virus circolano, a maggior ragione questo. Sta circolando negli Stati Uniti e in Italia nei focolai, ma qui circola in modo ‘benigno’. In questo momento in Italia ha esaurito la sua forza letale, perché sta facendo quello che fanno tutti i virus, cioè adattarsi al suo ospite. Probabilmente nella sua evoluzione adattativa sta anche modificando alcune sue caratteristiche. Questo non vuol dire che sia mutato, ma qualcosa sta accadendo a livello delle proteine di superficie del virus: le stesse modificazioni che lo rendevano molto letale tre mesi fa, adesso lo rendono meno aggressivo”: questo dice oggi Alberto Zangrillo, primario dell’Unità operativa di anestesia e rianimazione e della Terapia intensiva del San Raffaele, in un’intervista al Corriere della Sera. “La capacità del virus di produrre malattia è uniformemente scomparsa nel contesto nazionale. È un’evidenza dalle cartelle cliniche”, dichiara Zangrillo. “Il lockdown, il distanziamento e le mascherine sono misure che hanno sicuramente contribuito ad abbassare la carica virale, ma si è ridotta anche la forza letale del virus, perché la correlazione tra carica virale e capacità di produrre malattia (anche grave) è dimostrata”. Quanto al futuro, “tutti dicono che siamo alla fine della prima ondata e attendono l’arrivo della seconda, io credo invece che il virus si possa fermare qua”, afferma Zangrillo. “Sono un inguaribile ottimista: credo che abbiamo il 50% di possibilità che il coronavirus se ne vada. Se così non fosse, quel che temo di più è aver perso tempo a organizzare strutture e infrastrutture invece di rimettere in equilibrio il rapporto tra l’ospedale e il territorio. Chi lavora sul territorio e in prima linea negli ospedali deve pretendere che gli ammalati vengano ricoverati subito perché, in assenza di una terapia specifica, le cure che abbiamo devono essere adottate con tempestività”. E aggiunge: “Quanto ai due focolai in Veneto, credo che abbia ragione il presidente Zaia a voler esercitare il controllo sui cluster e impedire che chi è oggetto di sorveglianza possa sfuggire: è la base della prevenzione. Oltretutto ho saputo dal Governatore che si è trattato di un imprenditore che è andato in giro consapevole di non stare bene. Se si è aggravato, poi, dipende anche dalla carica virale che ha contratto in Serbia e che può essere più elevata di quella che circola in Italia”.

andrea crisanti zangrillo

Non sembra però della stessa idea Andrea Crisanti, intervistato oggi da Stampa, Repubblica e Giornale e già protagonista di uno scontro con Zangrillo durante Mezz’ora in più domenica scorsa: “La crescita dei contagi in Veneto “era prevedibile, da aprile ripeto che bisogna dire la verità ai cittadini. Se si racconta che il virus è sparito le persone abbassano l’attenzione. L’ironia della sorte è che due dei firmatari del documento che sostiene questa tesi, Palù e Rigoli, siano tra i più ascoltati consulenti di Zaia”, il quale “più che arrabbiarsi con i veneti dovrebbe prendersela con i tecnici che gli stanno vicino”. “Servirebbe una comunicazione più seria, basata su dati e senza mistificazioni. Si migliora la situazione dicendo la verità ai cittadini: siamo ancora in pandemia, l’Italia non è un’isola e non ha eliminato del tutto il virus”, sottolinea Crisanti. “Come si fermano in questo momento migliaia di giovani che hanno ricevuto messaggi contraddittori? Prima gli hanno detto che il virus era morto, poi che la mascherina non serviva, poi di nuovo che invece è fondamentale. Se fossi un diciassettenne che deve stare con la sua ragazzetta penserei che gli adulti sono degli idioti”. Per affrontare i piccoli focolai, ribadisce il virologo, “si deve seguire l’unico modello che ha dimostrato di funzionare: quello di Vo’ Euganeo, dove abbiamo sottoposto tutti a tamponi, isolato chi andava isolato tracciato tutti i contatti, e ripetuto i tamponi per esser sicuri di individuare tutti i contagi”. In merito ai rapporti con Zaia, “prima avevo un rapporto privilegiato con il governatore, ora non è più così e lui si rivolge ad altri”, ma “non abbiamo litigato e se Zaia mi chiamasse sarei contento di aiutarlo a capire cosa sta succedendo”, dice Crisanti. Quanto al ricovero coatto per i nuovi contagiati, “mi pare sia un’istituzione prevista solo per i malati psichiatrici e attivabile dai comuni, dunque non dipenderebbe nemmeno da Zaia”.

Leggi anche: Andrea Crisanti, gli errori di Zaia e dei suoi consiglieri che sbagliano in Veneto