Economia

Yanis Varoufakis: il marxista libertario che diventa ministro con Tsipras

Yanis Varoufakis è il nuovo ministro delle Finanze del governo Tsipras in Grecia. 53 anni, è nemico delle misure d’austerity imposte dalla troika ma sostenitore della permanenza nell’Eurozona. Dopo gli studi in Gran Bretagna, è diventato consulente dell’ex leader del Pasok, Papandreu. Sul suo profilo twitter si definisce «economistaper caso» e «professore di economiache non ha mai esercitato come economista». Le foto che lo ritraggono sono sempre in pose molto “sportive”:
Yanis Varoufakis 1
 
Mentre c’è chi fa notare una certa somiglianza:
Yanis Varoufakis 2
 
YANIS VAROUFAKIS: IL MARXISTA LIBERTARIO CHE DIVENTA MINISTRO CON TSIPRAS
A parte gli scherzi, Andrea Nicastro sul Corriere della Sera ne tratteggia un ritratto molto puntuale:

Ieri si è presentato al giuramento(laico) con un chiodo alla Fonzie e la camicia fuori dai pantaloni. Sul suo blog aveva appena scritto: «Mi suggerisconodi chiudere questa pagina,ma non ci penso nemmeno». Fresco ministro, tra le bianche colonne neoclassiche del palazzo presidenziale, Varoufakis è stato assediato dai giornalisti. Cosa dirà domani al capo dell’Eurogruppo? «Niente». Come niente? «Domani niente, perché lo vedrò venerdì». Poi alle telecamere italiane di Sky: «L’euro deve essere riformato .Non è stato pensato per sostenere una grave crisi finanziaria. Il risultato è che anche l’Italia sta soffrendo non solo per via della crisi». Preoccupato? «Solo di diventare un politico, per questo ho in tasca la lettera di dimissioni». «Marxista libertario»,  «economista per caso», Varoufakis è originale anche nel vezzo di togliere una «n» e cambiare il nome da Yannis a Yanis. Professore di economia in Texas era già stato consigliere di governo all’epoca della crisi, ma aveva lasciato l’incarico in contrasto con la decisione di indebitarsi invece di fallire.

E’ suo il copyright di alcune delle critiche più dure all’austerità:

Da tortura («waterboarding fiscale») a «anche un bambino capisce che le condizioni imposte— dalla troika, ndr — sono criminali». Per lui, che ha firmatolibri anche con il keynesianoUsa James Galbraith,«l’Europa ha perso la sua anima» e il nuovo governo greco«è l’ultima possibilità che resta» per ritrovarla.Nell’esecutivo di Alexis Tsipras,professori, «scravattati»,blogger, tutti contestano le politiche dominanti sin qui in Europa e sono pronti a restare spesso in minoranza. Ieri il primo esempio quando a Bruxelles l’invito a nuove sanzioni alla Russia per l’emergenza ucraina non ha avuto l’assenso greco.«Atene avrà modo di spiegare la sua posizione» dice una nota imbarazzata del Consiglio europeo
 

«MA È UN SENZATETTO?»
Se così intendeva superare Tsipras in informalità, ci è riuscito ma, agli occhi della gente ‘normale’, si è sbagliato di grosso. Guardandolo alla televisione, molti greci “over 50” si sono vergognati di quella che è sembrata un’inutile sceneggiata filo-proletaria da parte di un economista che guadagna migliaia di dollari al mese. “Quando l’ho visto – ha confidato all’ANSA un diplomatico straniero che ha chiesto di restare anonimo – ho pensato che fosse un senzatetto che era riuscito ad intrufolarsi alla cerimonia del giuramento. Chissà come si presenterà vestito quando dovrà andare a Bruxelles. E come rideranno della Grecia”. Varoufakis ha scritto diversi libri di economia sulla crisi globale ed europea fra cui ‘The Globalising Wall’ e ‘The Global Minotaur’, nel quale paragona il ruolo dell’economia Usa a partire dagli Anni ’70 nei confronti del resto del mondo alla figura del mitico Minotauro che sbranava coloro che finivano nel labirinto.