Cultura e scienze

Virginia Raffaele: «Quando sono diventata satanista»

satanismo sanremo virginia raffaele salvini

Virginia Raffaele ha rilasciato oggi un’intervista a Marco Travaglio, direttore del Fatto Quotidiano in cui ha parlato delle incredibili accuse di satanismo e altre amenità nate dopo il festival di Sanremo. Nell’insieme, l’intervista è esilarante. Un piccolo estratto:

Pronto, Virginia Raffaele?
Sì, un attimo soltanto ché c’ho una vergine sul fuoco e non vorrei si scuocesse.

Ecco, proprio di questo volevo parlarle. Con lo sketch di Sanremo in cui nomina per ben cinque volte Satana fingendosi un grammofono inceppato sulla canzone Mamma di Beniamino Gigli, lei ha gettato la maschera: come minimo è una satanista, per non dire una strega. Lo dicono fior di esorcisti e ne parlano vari esperti del ramo. Tipo gli onorevoli Salvini, Gasparri, Fioroni, Pillon.
In effetti, ora che ci penso, da piccola riuscivo a girare i piedi all’incontrario. Tant’è che ho ancora le rotule allentate. Avrei pure delle foto, ma non gliele do, sennò sono spacciata.

Sarebbe importante averle: è la prova documentale, la pistola fumante della sua possessione fin da tempi non sospetti.
Impossibile. Le ha mia madre in soffitta. E quella è veramente l’inferno, quarto girone: quello dei disordinati. Però se dovessi ritrovarle all’improvviso qui in casa da me, vorrebbe dire che c’entra Satana. Nel qual caso, sarà mia cura mandargliele.

virginia raffaele satana sanremo video

Sul palco dell’Ariston lei era posseduta.
E che ne so. C’è stato quel momento di meta-televisione in cui c’eravamo insieme io,la vera Vanoni e la vera Patty Pravo. Forse lo spiritello ne ha approfittato per entrarmi dentro in quell’istante lì. Sa come sono fatti: sono tremendi.

Ah, non lo dica a me.
È inutile che insista, tanto neanche lei riuscirà a farmi perdere l’ironia e il buonumore. Io spero di essere posseduta –e su questo participio non accetto battute –soltanto dal sacro fuoco del mio lavoro. Ora vado, perché ho Belze a cena. Quello mangia tutto alla griglia, sennò poi chi lo sente… Tremate, tremate, le streghe son tornate!

Leggi anche: Come il governo del Popolo si appresta a spaccare l’Italia con l’autonomia regionale