Politica

Salvini combatte il satanismo (di Virginia Raffaele?) a Sanremo

satanismo sanremo virginia raffaele salvini

Matteo Salvini ha un’altra missione da compiere: combattere il satanismo. E la annuncia sulla sua pagina Facebook, nella quale si associa alla denuncia di Don Aldo Bonaiuto nei confronti di Virginia Raffaele e Satana a Sanremo.

Come Matteo Salvini combatte il satanismo a Sanremo

Come ha denunciato il sito online cattolico In Terris, durante la terza serata di Sanremo l’attrice, imitando i difetti della puntina di un grammofono nell’esecuzione di una vecchia canzone, si “incanta” sulla parola “Satana” e la ripete per cinque volte prima di bloccarsi. La scena riprende uno sketch della Witz Orchestra, gruppo triestino, protagonista del programma “Proffimamente non stop” andato in onda su Rai 1 nel 1986.

 

E su In Terris Don Aldo Buonaiuto, sacerdote della Comunità Giovanni XXIII fondata da don Oreste Benzi, il quale coordina il servizio nazionale Antisette con un numero verde nazionale in ascolto delle vittime, nella sua veste di esorcista fa appello all’attrice Raffaele “perché chiarisca quella che apparirebbe una gag spiritosa ma poi stonata perché sembra non tenere conto della sensibilità di tante persone che soffrono a causa della presenza del maligno. Pur non comprendendo quale fosse l’intento, il ridicolizzare o, ancor più grave, inneggiare il nome di satana in prima serata su Rai Uno, penso sia stato uno scivolone sconcertante. Non si è tenuto conto della fede dei tanti cristiani che seguivano uno dei programmi più amati dagli italiani mancando così di rispetto specialmente alle tante persone che sono realmente oppresse dalle forze del male. Penso sia opportuno che la brava comica Virginia Raffaele spieghi il senso di questa sua esibizione e che si ritorni a riflettere sulle ripercussioni di certe scelte che non possono ritenersi apparentemente banali”.

virginia raffaele satana sanremo video
fonte

Virginia Raffaele e Satana a Sanremo: i vade retro della politica

Alle preoccupazioni del Capitano si sono aggiunte quelle dell’esponente PD Beppe Fioroni:  “La riflessione di don Aldo Buonaiuto sulla citazione da parte brava Virginia Raffaele a Sanremo di Satana per più volte, sicuramente avrà una sua spiegazione, ma è necessario che chi ha pronunciato tali parole renda pubblica ed evidente questa spiegazione. In Italia il problema del Male e della sofferenza che provoca in tante persone non puo’ mai essere sottovalutato né tantomeno banalizzato” e quelle di Gasparri e Cesa: “”Il richiamo di Don Aldo Buonaiuto che si rivolge a Virginia Raffaele in merito alla sua gag in cui ha più volte citato Satana è assolutamente condivisibile. Ognuno è libero di esprimersi come meglio crede ma non deve mai mancare il rispetto e concludere in quella maniera che dimostra almeno scarsa sensibilità. Speriamo che quanto prima si possa chiarire tutto ciò archiviandolo come una pessima distrazione sanremese di cattivo gusto”. Ovviamente non poteva mancare una dichiarazione del cacciatore di streghe Simone Pillon, senatore della Lega: “La reazione di don Aldo Bonaiuto in merito all’invocazione di Satana in diretta tv in prima serata su Rai Uno durante il Festival di Sanremo è pienamente comprensibile e condivisibile. Prendere in giro, ridicolizzare e invocare il maligno di fronte a un pubblico di milioni di italiani, compresi minori, è alquanto discutibile.L’attrice comica Virginia Raffaele è solitamente molto brava, ma in questo caso fatichiamo a comprendere le sue scelte: su certe cose, che purtroppo causano sofferenze a molte persone, c’è purtroppo ben poco da ridere”.

virginia raffaele satana sanremo video
fonte

Don Aldo Bonaiuto: chi è il prete che combatte il satanismo a Sanremo

Don Aldo Bonaiuto non è un prete qualsiasi. Intanto tiene un corso per esorcisti e si fa volentieri intervistare sul tema:

Ma soprattutto è anche il prete della Comunità che prese in carico i naufraghi della Diciotti proprio su istanza del governo Conte e di Salvini dopo una trattativa condotta da lui stesso, che conosce personalmente Salvini.

Per questo Salvini non poteva esimersi e ieri lo ha dichiarato: “Capisco e condivido le preoccupazioni espresse da don Aldo Buonaiuto. Non bisogna sottovalutare il problema delle sette sataniche e serve affidarsi agli esperti che ci aiutano a combatterlo. È un fenomeno preoccupante, apparentemente lontano dalla esperienza quotidiana, eppure molto più vicino e più frequente di quanto si pensi”. Speriamo che Salvini ci Salvi dal Satanismo a Sanremo. Sul maligno però il vicepremier leghista ha un evidente conflitto d’interessi. Sono tanti infatti i cattolici italiani che hanno condiviso la copertina di Famiglia Cristiana qualche tempo fa: “Vade retro Salvini”. Insomma, a ciascuno il suo esorcismo.

Leggi anche: Di Battista si è ridotto a elemosinare applausi da Floris