Fatti

Il vigile di Nettuno aggredito da un 18enne (con l’aiuto della mamma e del fratello) che non voleva indossare la mascherina

A causa dell’alto numero di contagi nella zona, il sindaco aveva emesso nei giorni scorso l’ordinanza per la mascherina anche all’aperto

Vigile aggredito a Nettuno

Nettuno e Anzio sono due comuni in provincia di Roma, a Sud della capitale. Da qualche settimane l’incidenza dei contagi è cresciuta in modo esponenziale e solo in quelle due cittadine – secondo l’ultimo bollettino – ci sono oltre mille persone attualmente positive al Sars-CoV-2. Un dato molto alto, considerando il numero effettivo degli abitanti, che nei giorni scorsi ha portato le amministrazioni comunali a correre ai ripari, anticipando le decisioni prese anche dalla Regione Lazio (e che a breve potrebbero essere estese a tutto il territorio Nazionale con un decreto). La misura reintrodotta è quella dell’obbligo della mascherina anche all’aperto, ma nel giro di pochi giorni è già arrivato il primo episodio violento con un vigile aggredito a Nettuno per aver chiesto a un giovane di indossarla.

Vigile aggredito a Nettuno da un giovane che non voleva indossare la mascherina

Dallo scorso 17 dicembre, il Comune di Nettuno ha reso nuovamente obbligatorio il dispositivo di protezione individuale anche nei luoghi all’aperto. E lo ha fatto comunicandolo in tutte le salse ai cittadini. Ma questa notizia non sembra essere piaciuta a un 18enne della zona che aveva deciso di girare per le strade della cittadina senza mascherina. Poi, però, è stato “pizzicato” da un agente della Polizia locale che gli ha chiesto di indossarla. E da lì un’assurda reazione violenta.

Dopo aver gridato frasi sconclusionate relative ai vaccini, il 18enne – aiutato anche dalla madre e dal fratello, ovviamente anche loro senza mascherina – ha colpito più volte il vigile. Con grandissime difficoltà, dopo lunghi momenti di tensione, i colleghi dell’agente della Polizia locale sono riusciti a bloccare e identificare il giovane che è stato denunciato (a piede libero) e sanzionarlo per non aver indossato la mascherina (secondo quanto previsto dall’ordinanza comunale). Il vigile aggredito a Nettuno è stato poi portato in ospedale dove le sue ferite (guaribili in dieci giorni) sono state medicate.