Attualità

Le Sardine a Roma e Com’è profondo il mare a Piazza San Giovanni

A San Giovanni c’è anche Lucio Dalla, con una delle sue canzoni più famose Com’è profondo il mare. Il brano diffuso nella piazza viene canticchiato dalle Sardine.

Le Sardine riempiono piazza San Giovanni a Roma. Dal palco gli organizzatori non hanno ancora comunicato i dati sulla partecipazione ma il colpo d’occhio fa pensare a una manifestazione riuscita con migliaia di persone. E a San Giovanni c’è anche Lucio Dalla, con una delle sue canzoni più famose Com’è profondo il mare. Il brano diffuso nella piazza viene canticchiato dalle Sardine.

Le Sardine a Roma e Com’è profondo il mare a Piazza San Giovanni

 

Non a caso. Il manifesto delle Sardine cita proprio la canzone di Lucio Dalla: «È chiaro che il pensiero da fastidio, anche se chi pensa è muto come un pesce. Anzi, è un pesce. E come pesce è difficile da bloccare, perché lo protegge il mare». E le Sardine non si sono fatte bloccare. Tante le famiglie con bambini al seguito arrivate non solo da Roma ma da tante città italiane, da Bologna fino a Taranto e altre città del sud. La gente sta affluendo ancora dalle vie limitrofe verso il lato della piazza dove è posizionato il tir riadattato a palco da dove si susseguono gli interventi. Tanti i cartelli con il simbolo delle Sardine e anche banchetti con i nuovi gadget del movimento. Non si sono visti, invece, bandiere o simboli dei partiti. Finora tutto si è svolto pacificamente.

sardine san giovanni roma com'è profondo il mare 1

C’è stata l’occasione anche per ribaltare il messaggio dell’altra piazza San Giovanni, quella di Salvini e Meloni. “Sicuramente noi non piaceremo a Salvini e Meloni: perche’ io sono Ibras, sono una donna, sono musulmana e sono figlia di palestinesi”, grida una ragazza dal palco di san Giovanni. Un’evidente citazione di Giorgia Meloni. E aggiunge: “A tutti coloro che vogliono riaprire la pagine nere del passato dico: non ve lo permetteremo mai”

Leggi anche: Ma è vero che il reddito di cittadinanza ha ridotto la povertà del 60%?