Attualità

Il risarcimento per il bambino danneggiato dal vaccino esavalente 

esavalente modena

Il ministero della Salute deve pagare ai genitori di un bambino modenese l’indennizzo che è stato riconosciuto sulla base di una sentenza passata in giudicato, che lo ha ritenuto danneggiato da vaccino esavalente. A intimarlo è il Tar dell’Emilia Romagna, secondo quanto riporta il Resto del Carlino di Modena.

Il risarcimento per un bambino danneggiato da vaccino esavalente 

Complessivamente, si legge, “il risarcimento per i danni subiti dal minore si aggira attorno al mezzo milione di euro”. Il ministero della Salute, ricostruisce il quotidiano, “dopo il versamento di una prima tranche (per la quale era già stato condannato al pagamento dal Tar), è rimasto nuovamente in silenzio.” Silenzio per il quale “la seconda sezione del Tribunale amministrativo regionale ha accertato l’illegittimità”, si legge ancora, “con riguardo alla domanda di indennizzo presentata dalla famiglia del bambino, oggi adolescente, in base alla legge 229 del 2005.

Si tratta del riconoscimento di indennizzo aggiuntivo per i danneggiati da complicanze di tipo irreversibile, causate appunto da vaccinazioni obbligatorie. Inoltre i giudici della seconda sezione hanno condannato il ministero a versare l’indennizzo entro e non oltre 90 giorni dalla sentenza”. L’iniezione scudo era stata somministrata al neonato nel 2004, la causa civile è partita nel 2011 e il nesso causale con il danno è stato riconosciuto dal tribunale, con sentenza del 2013. All’epoca dei fatti, nel 2004, il bambino aveva tre mesi. Nel 2013 in primo grado la sentenza evidenziava un nesso di causalità tra la somministrazione del vaccino e le patologie del bambino.

La risposta di Burioni

Il medico e ricercatore Roberto Burioni ha commentato la notizia sulla sua pagina Facebook segnalando che nella letteratura scientifica non esiste alcuna descrizione di una correlazione tra la vaccinazione esavalente e una “cerebropatia cronica con grave ritardo nell’apprendimento, epilessia sintomatica, encefalopatia post natale e deficit visivo”.

La scienza (non Roberto Burioni – la scienza) ci dice che il vaccino esavalente non ha alcun ruolo nel causare l’epilessia e tanto meno encefalopatie e deficit visivi. Quindi possiamo tranquillizzare i genitori che possono continuare a vaccinare i loro figli senza temere queste gravissime conseguenze, che non sono mai dovute al vaccino ma ad altre cause (spesso genetiche).

burioni esavalente modena

Il perché in una sentenza di un tribunale pare venga affermato il contrario di quanto scritto sopra io, sinceramente, non ve lo so spiegare, spero che sappia farlo qualcuno più esperto di me.

Leggi anche: Come hanno preso i grillini la notizia dell’onestà di Giulia Sarti