Fatti

La mamma uccisa per un rimprovero: cosa c’è dietro l’omicidio di Treviglio

Tra le due c’erano profondi attriti ma la vittima aveva costruito a Treviglio una vita ed una famiglia senza l’aiuto di nessuno

treviglio omicidio famiglia figlia genitore da solo

L’aveva uccisa a coltellate dopo una discussione, la ragazzina appena 15enne non aveva accettato l’ennesima discussione familiare. La ragazza è poi stata ascoltata in Caserma, con lei uno specialista in grado di fornirle supporto. E’ stato il colpo della figlia a togliere la vita alla mamma, la lama ha trafitto il cuore della 43enne rendendo Treviglio un piccolo comune nel bergamasco teatro di un efferato omicidio. La ragazza stava svolgendo dei lavori domestici quando la mamma è rientrata in casa, insoddisfatta di quanto fatto dalla giovane figlia. Sarebbe bastato questo a far scattare l’ira tra le due, conclusasi con l’aggressione. La ragazzina poi ha subito chiamato il 112, “Ho bisogno di aiuto, ho fatto del male alla mamma” avrebbe detto alle forze dell’ordine.

Uccisa dalla figlia dopo una lite, i dettagli dell’omicidio di Treviglio. L’intervento delle forze dell’ordine

La ragazza ha atteso sul luogo del delitto l’arrivo dei Carabinieri e del primo cittadino Juri Imeri. Ora, assistita da uno specialista, è seguita dal Tribunale per i Minori di Brescia. La vittima era molto conosciuta in paese grazi al suo lavoro come impiegata presso un noto studio di commercialisti del posto. Terminati gli accertamenti sulla salma, è stata trasferita all’ospedale Papa Giovanni XXXIII di Bergamo, dove il magistrato di turno che ha aperto il fascicolo d’indagine ha disposto l’autopsia.

Ora sarà importante capire che destino sarà riservato alla giovanissima figlia, colta da un raptus d’ira che le ha condizionato per sempre la vita. In via Bernardino Butinone, dove la famiglia viveva, si è consumato una tragedia familiare. Non è chiaro se le due avessero già da tempo un rapporto complesso, o vi fossero delle frizioni. Sebbene sia giusto considerare, purtroppo, che le frizioni tra una madre e una figlia adolescente siano all’ordine del giorno. Lei nata quando la mamma era solo 28enne, senza marito. La ragazza ha infatti preso il cognome del padre. Forse, tra un po’, anche la giovanissima 15enne si renderà conto di cosa sia successo.