Opinioni

Tutti i soldi che ha promesso oggi Renzi

Non solo taggare i terroristi. Matteo Renzi, intervenendo oggi nella Sala degli Orazi e Curiazi dei Musei Capitolini ha promesso uno stanziamento di due miliardi di euro durante l’evento ‘Italia, Europa: una risposta al terrore’. Secondo il premier un miliardo sarà destinato a maggiore sicurezza, mentre un altro miliardo sarà destinato alle spese nella cultura. Lo stanziamento verrà finanziato spostando al 2017 l’abbattimento dell’IRES che era stato promesso in occasione della Legge di Stabilità 2016 nel caso l’Europa avesse riconosciuto maggiore flessibilità di bilancio in relazione all’emergenza migranti. «Per ogni euro in più investito sulla sicurezza ci deve essere un euro in più investito in cultura», ha spiegato il premier. I due miliardi di maggiore flessibilità verranno quindi così ripartiti:
– Il bonus di 80 euro sarà esteso a tutte le donne e gli uomini che lavorano nelle forze dell’ordine
– 150 milioni di euro saranno destinati alla Cybersecurity
– Il governo stanzierà 500 milioni di euro per le forze di difesa
– 500 milioni di euro alle città metropolitane per progetti di intervento per le periferie con interventi «di rammendo»
– 50 milioni per il diritto allo studio: «Chi è meritevole non può essere bloccato da reddito»
– I 550mila italiani che compiono diciotto anni potranno usufruire di una carta, un bonus per poter partecipare a iniziative culturali
– «150 milioni di euro per donare a tutti i cittadini che lo vorranno la possibilità di dedicare il 2 per mille a un’associazione culturale. Ciò che è possibile per i partiti, sarà possibile anche per le realtà della cultura»
– «Un investimento di 50 milioni di euro per la strumentazione delle forze dell’ordine, a fronte però di un processo di chiarezza e di riorganizzazione: ad oggi le forze di polizia sono troppe, devono diventare 4 entro l’anno»
matteo renzi imu castelli ville