Attualità

Traffik e Gallagher condannati a due anni per l'aggressione ai fans

neXt quotidiano|

Traffik e Gallagher 1

Gianmarco Fagà, in arte Traffik, e Gabriele Magi, alias Gallagher, sono stati condannati in rito abbreviato a due anni e mezzo il primo, a due anni e tre mesi il secondo. Racconta il Messaggero:

L’accusa è di aver aggredito tre giovani appassionati della loro musica che avrebbero provato a chiedere loro un autografo alla stazione Termini. La sentenza è arrivata ieri al culmine dell’udienza preliminare, che si è svolta al Tribunale di Roma, alla presenza dei due artisti della scena musicale capitolina seduti in aula nell’attesa della decisione del giudice. La vicenda che ha portato a giudizio i due giovani, di 25 e 23 anni, risale al 23 febbraio scorso.

Tornati da un concerto, i trapper avrebbero incontrato dei ragazzi che avrebbero chiesto un autografo e delle foto ai loro beniamini. Ma la reazione di Gallagher e Traffik non sarebbe stata amichevole. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, coadiuvati dai carabinieri della stazione Macao, i musicisti si sarebbero scagliati contro i fan armati di un tirapugni in ferro. «Dateci quei c…o di cellulari o vispacchiamo la faccia» avrebbero urlato nel bel mezzo della baruffa strappando di mano gli smartphone tirati fuori per scattare il selfie di rito.

Leggi anche: L’arresto di Traffik e Gallagher e il razzismo nella musica trap in Italia

Traffik e Gallagher

Una volta terminato il breve scontro, gli imputati sarebbero scappati, rincorsi dalle vittime. Ma nella fuga il duo, famoso sul web per i testi al vetriolo, si sarebbe scagliato contro un’altra persona colpevole solo di trovarsi lì vicino. A essere colpito dai due con calci e pugni sarebbe stato un 50enne cittadino del Bangladesh che, nel tentativo di divincolarsi, sarebbe scappato in strada finendo con essere investito da un’auto in transito. L’urto con la macchina avrebbe provocato la rottura della gamba del malcapitato.

Leggi anche: Gli insulti dei sovranisti al bambino con i libri dello sgombero di Primavalle (e dicono che la foto è falsa)