Sport

La suora costretta a dire addio alla nazionale di calcio per religiose perché il vicario della diocesi “non vuole”

Suor Lidia non si unirà alla Nazionale di calcio per religiose: il vicario della diocesi alla quale appartiene, quella di Mondovì, non è d’accordo

suora calcio femminile nazionale

Suor Lidia si stava inserendo bene nel gruppo squadra delle “Sisters”, la nazionale italiana suore, nata la scorsa estate. Sulla chat di gruppo stava familiarizzando con le compagne, era pronta per il prossimo raduno in Toscana, e poi per il suo esordio. Ma qualcosa non è andato come doveva. Una chiamata con don Flavio Begliatti, vicario della diocesi di Mondovì, nel Cuneese, ha posto fine alla sua avventura – materialmente mai iniziata – con la squadra. La sua influenza si estende su una delle zone più estese del Piemonte, con quasi 200 parrocchie. Interpellato da La Stampa, prima minimizza: “Non mi sembra niente di strano, esistono anche tanti preti appassionati di calcio o che, addirittura, giocano”. Tutto cambia però se il discorso verte sulle suore: “Non è nostra intenzione proseguire su quella linea, non vogliamo che ci siano delle religiose che fanno parte di quella squadra. Certo non sono decisioni che possono essere prese così”.

Suor Lidia e l’addio alla nazionale di calcio per religiose

Quindi suor Lidia, consacrata diocesana che opera in una casa di accoglienza nelle campagne cuneesi, è costretta a dire addio in anticipo alle compagne: “Ho parlato poco fa con il vicario della diocesi, non è d’accordo. Vi seguirò da lontano, buon tutto”. Ha accettato la decisione di don Begliatti senza protestare, ma non ha potuto rispondere alla chiamata di mister Moreno Buccianti, ex calciatore ora allenatore della nazionale italiana suore dalla sua fondazione, che risale alla scorsa estate. “Suor Lidia aveva saputo della nazionale delle Sisters – ha spiegato – e si era fatta avanti chiedendo di avvicinarsi alla nostra realtà affiliata alla Lazio. Abbiamo parlato al telefono in diverse occasioni, eravamo d’accordo di vederci di persona al prossimo evento che stiamo organizzando in Toscana. La realtà delle Sisters è in crescita, siamo sempre alla ricerca di nuove sorelle per allargare il gruppo”. Nel 2018 Buccianti organizzò il primo – e unico – campionato europeo per nazionali di sacerdoti, in Piazza San Pietro: “Ovviamente mi dispiace quando accadono certe cose, anche perché questa esperienza con le Sisters è meravigliosa. Non è facile far quadrare tutto, a volte ci sono delle dinamiche complicate da gestire”.