FAQ

Come cambiano gli stage: la stretta del governo sui tirocini extracurriculari

La legge di Bilancio stabilisce nuove restrizioni per i tirocini extracurriculari per evitare che le aziende in cerca di lavoro a basso costo ne abusino

tirocini extracurriculari stage regole assunzione

Stretta del governo ai tirocini extracurriculari, quelli effettuati al di fuori di un corso di studi di laurea o diploma. Strumento spesso abusato dalle aziende per ottenere forza lavoro a basso costo, i cosiddetti “stage” da ora in poi andranno circoscritti “ai soggetti con difficoltà di inclusione sociale”, e inoltre si dovrà prevedere una “congrua indennità di partecipazione”. Lo stabilisce la legge di Bilancio, a partire dall’articolo 720, che demanda a governo e Regioni l’emanazione di linee guida entro sei mesi. Prevista anche una durata massima, comprensiva di eventuali proroghe. Sanzioni fino a 6mila euro per chi “assume” stagisti senza pagarli. Inoltre tutti i tirocini dovranno essere tracciabili e monitorabili: è estesa infatti anche a quelli extra curriculari la comunicazione obbligatoria.

La stretta del governo sui tirocini extracurriculari

Dai dati del ministero del Lavoro emerge che queste forme contrattuali vengono utilizzate anche con una quota di ultracinquentenni che provano a rimettersi in gioco. Non soltanto quindi il “giovane da formare” per poi assumerlo. La legge prevede anche che l’attivazione di nuovi tirocini venga vincolata all’assunzione effettiva di una quota minima di tirocinanti. Le aziende avranno anche un limite numerico per i tirocini attivabili, in relazione alle dimensioni. Al momento dell’attivazione, inoltre, sarà necessario redigere un bilancio delle competenze, e al termine del tirocinio, rilasciare una certificazione delle competenze acquisite durante l’esperienza.

Secondo la Repubblica degli Stagisti, testata online che segue da vicino questi argomenti, queste norme potrebbero di fatto far sparire del tutto i tirocini extracurriculari. In particolare, per loro costituisce un limite importante la delimitazione degli stage extracurriculari a “soggetti con difficoltà di inclusione sociale”, una norma che potrebbe far sparire oltre il 90% dei tirocini extracurriculari. Non è chiaro se tra questi siano da intendere inclusi anche i disoccupati, che in base agli ultimi dati Istat sono circa 2 milioni e 300mila, di cui poco meno di 1 milione e 200mila sono “di lunga durata” e circa un milione non ha alcuna esperienza pregressa.