Attualità

Speranza: “Entro l’estate tutti gli italiani vaccinati, questo è l’obiettivo” | VIDEO

Ieri il ministro della Salute Roberto Speranza è intervenuto a Mezz’ora in più di Lucia Annunziata spiegando qual è la situazione attuale della campagna vaccinale contro il Coronavirus in Italia

speranza tutti vaccinati entro estate video annunziata

Ieri il ministro della Salute Roberto Speranza è intervenuto a Mezz’ora in più di Lucia Annunziata spiegando qual è la situazione attuale della campagna vaccinale contro il Coronavirus in Italia: “Abbiamo vaccinato più di 5 milioni di persone. Il prossimo trimestre sarà decisivo per aumentare i numeri. Nel primo abbiamo pagato la limitazione delle forniture, ma dal primo aprile sono in arrivo oltre 50 milioni di dosi e puntiamo ad un numero molto alto di vaccini, circa la metà della nostra popolazione”.

 


Il ministro ha poi lanciato una previsione, spiegando che tutti i cittadini italiani saranno vaccinati per la fine dell’estate. O almeno questo è il suo obiettivo, che spera di realizzare anche grazie all’approvazione del vaccino monodose Johnson & Johnson e alla somministrazione di Astrazeneca agli over 65:”Di media siamo sulle 180mila vaccinazioni al giorno. Con l’arrivo di nuove dosi i numeri aumenteranno in maniera progressiva. Tra i vaccini, c’è anche quello Johnson & Johnson monodose. Un fatto sul piano logistico molto rilevante”. Mentre i contagi negli ultimi giorni salgono e si pensa a nuove restrizioni, non solo per contenere l’avanzata del virus, ma soprattutto per mettere al sicuro la campagna di vaccinazione, Speranza spiega: “Questo è un mese complicato. Bisogna avere coraggio di dirlo e dire la verità. Le varianti sono un fatto nuovo, hanno prodotto una nuova fase espansiva e di accelerazione dell’epidemia. Secondo i nostri studiosi, la variante inglese riesce a diffondersi con una maggiore velocità tra il 35% e il 40% in più rispetto al ceppo originario. Oggi, secondo le analisi almeno il 54% dei casi in Italia è legato a questa variante”. “Sulle varianti – ha spiegato – gli studi sono in corso, la scienza non ha soluzione immediata o la bacchetta magica. Sta analizzando la questione, anche di variante brasiliana, sud africana e ulteriori. Bisogna capirne ancora l’impatto, la certezza è che le varianti sono presenti e rappresentano una nuova sfida”.