Politica

I tedeschi di Spd sulle elezioni: "Importante che vinca Letta e non la post-fascista Meloni"

@Asia Buconi|

spd

Oggi il segretario del Pd Enrico Letta si è recato a Berlino, dove in mattinata ha incontrato il Cancelliere tedesco Olaf Scholz. “A Berlino, al lavoro insieme a Olaf Scholz per arrivare a soluzioni comuni europee contro il caro bollette e la crisi energetica” ha scritto il leader dem sui propri profili social. “Sono convinto che dalle urne uscirà una maggioranza chiara”, ha concluso. A seguire, il leader dem ha tenuto una conferenza stampa col presidente dell’Spd Lars Klingbell, con quest’ultimo che si è espresso in maniera molto chiara sulle imminenti elezioni italiane.

Letta in Germania, Spd sulle elezioni italiane: “Non si decide solo chi guiderà l’Italia, si stabilisce pure il corso dell’Europa”

Una vittoria della “post-fascista” Giorgia Meloni metterebbe “l’Italia sulla strada sbagliata”: queste le parole del presidente del Partito socialdemocratico tedesco (Spd), Lars Klingbeil, che ha pure sottolineato come la vittoria del Partito democratico (definito un “partito fratello”) sarebbe “un segnale importante” per l’Unione Europea.

“Guardiamo alle elezioni in Italia e diciamo che c’è molto in gioco. Non si tratta soltanto di decidere chi guiderà l’Italia, ma anche di stabilire il corso dell’Europa. L’Italia sta meglio con Enrico Letta al vertice e non con i populisti di destra e i neofascisti”, ha aggiunto Lars Klingbeil a margine dell’incontro a Berlino con Enrico Letta.

Sulle parole del leader del partito socialdemocratico tedesco si è subito espresso il leader di Azione Carlo Calenda che, ospite a Metropolis sul sito di Repubblica, ha detto: “Meloni avrà un problema internazionale. In Europa parlano meno di fascismo ma quando ne parlano lo fanno sul serio e quando Meloni mette la fiamma nel simbolo, si crea un problema. Io non penso il problema sia il fascismo ma penso che il Centrodestra non riuscirà a governare perché avrà numeri fragili ed è diviso su tutto”.