Sport

Ma i sovranisti che insultano Sergio Sylvestre dov’erano quando Salvini ballava in mutande l’inno di Mameli al Papeete?

Ieri Sergio Sylvestre, durante l’esecuzione dell’Inno di Mameli prima della finale di Coppa Italia tra Napoli e Juventus, si è bloccato per l’emozione. Si è scusato ed è stato riempito di critiche sovraniste. Ma…

Ieri Sergio Sylvestre, durante l’esecuzione dell’Inno di Mameli prima della finale di Coppa Italia tra Napoli e Juventus, si è bloccato per l’emozione. Poi si è ripreso e ha portato a termine l’esecuzione ma l’intoppo ha scatenato le polemiche sui social con commenti non proprio benevoli nei confronti dell’artista americano, italiano d’adozione. Sylvestre ha anche omaggiato il movimento Black Lives Matter e il compianto George Floyd con il pugno sinistro alzato, divenuto ormai simbolo della protesta negli Stati Uniti, ma allargatasi anche nel mondo del calcio.

sergio sylvestre inno di mameli video insulti

Sylvestre ha sentito il bisogno di scusarsi successivamente con un video, spiegando di essersi emozionato quando ha visto il palco e lo stadio vuoto e sentendo l’eco fortissima che rientrava nel microfono e rendeva più complicata l’esecuzione. Dal video sembra anche che l’artista sbagli a prendere troppo poco fiato prima della strofa successiva.

Ma l’errore, appunto, non è piaciuto a molti:

sergio sylvestre inno mameli

Ovviamente perché preferiscono questa esecuzione qui:

De Gustibus.

Leggi anche: «I porti chiusi condannano a morte migliaia di persone»: il lapsus di Salvini in Senato