Politica

I 104 minori non accompagnati che il governo Meloni non vuole accogliere

neXt quotidiano|

SOS Humanity

Avevano chiesto un porto sicuro per permettere alle persone salvate in balia delle acque gelide del mar Mediterraneo di essere messe in salvo. L’appello della Ong tedesca SOS Humanity, però, è stato rispedito al mittente dal governo italiano che – prima attraverso le parole del Ministro dell’Interno Matteo Piantedosi e poi con una nota della Farnesina – ha chiesto alla Germania di certificare le operazioni compiute dall’organizzazione non governativa che fa riferimento proprio alla bandiera di Berlino. E dalla Germania sono arrivate tutte le conferme – partendo dall’obbligo di salvataggio, come previsto dalla legge del mare, e dalle politiche europee di approdo nel POS (Place of Safety) più vicino.

SOS Humanity, i 104 minori non accompagnati che l’Italia non vuole accogliere

A bordo della nave Humanity 1 ci sono, da molti giorni, circa 180 esseri umani. Tutti salvati in tre operazioni distinte nel Mar Mediterraneo, mentre i tre barconi sui quali viaggiavano erano alla deriva. E 104 dei soccorsi sono minori non accompagnati. E per loro è stato chiesto lo sbarco, ma la Farnesina (di concerto con il Viminale) ha preso tempo chiedendo chiarimenti a Berlino sul ruolo e il comportamento della ong SOS Humanity. E Berlino ha risposto a questa sollecitazione:

“Il governo federale ha risposto per iscritto alla nota verbale del governo italiano esponendo la propria interpretazione del diritto. Per il governo federale le organizzazioni civili impegnate nel salvataggio di vite umane nel Mediterraneo. Salvare persone in pericolo di vita è la cosa più importante. Secondo le informazioni fornite da Sos Humanity sulla nave ‘Humanity 1’ battente bandiera tedesca, attualmente ci sono 104 minori non accompagnati. Molti di loro hanno bisogno di cure mediche. Abbiamo chiesto al governo italiano di prestare velocemente soccorso”.

Nonostante le replica e la conferma della bontà dell’operazione – oltre alla legittimità di azione da parte della Ong -, il governo italiano non ha ancora dato il via libera allo sbarco dei 104 minori non accompagnati.