Attualità

«Siamo senza soldi»: il video di Bari e l’assalto al Lidl a Palermo

La prima scena si è svolta in via Roberto da Bari, all’esterno di una banca, chiusa al pubblico. La seconda in viale Regione Siciliana a Palermo

In un video pubblicato sui social network e diventato presto virale si vede una negoziante che va a chiedere soldi in banca perché dice di essere rimasta senza soldi a causa dell’emergenza Coronavirus SARS-COV-2 e COVID-19.

«Siamo senza soldi»: il video della negoziante di Bari davanti alla banca

Il video della negoziante di Bari davanti alla banca continua con un uomo che alla fine dona alla donna alcune banconote da 50 euro. Il Quotidiano di Bari ha sentito l’uomo dopo i fatti:

La donna ha perso lucidità e dopo un momento concitato e l’arrivo della Polizia, insieme al figlio, ha iniziato a urlare contro il dipendente uscito dalla filiale del centro di Bari a dare spiegazioni. L’imprenditore si è avvicinato e ha messo le mani in tasca e prima ancora sul cuore. “Negli occhi di quella negoziante ho visto una reale disperazione – dice l’imprenditore – e non ho potuto far altro che donarle ciò che avevo con me in quel momento. Me ne sono scappato in pochi secondi perché non volevo essere riconosciuto. Non avrei mai immaginato di essere ripreso con un cellulare”.

siamo senza soldi video bari quarantena

La scena si svolge in via Roberto da Bari, all’esterno di una banca, chiusa al pubblico. Marielisa ha un piccolo negozio di bomboniere. In casa vivono in quattro, c’è anche sua madre. Il negozio è chiuso dall’11 marzo scorso e tutte le ordinazioni sono state disdette. Rincuorati dall’accreditamento anticipato, come preannunciato da tutti i giornali, Marielisa e i suoi familiari sono andanti speranzosi alla filiale dell’Istituto di credito, scoprendo però che della pensione non c’è ancora traccia, il cui arrivo è ovviamente fuori discussione. Ma intanto, finché i soldi non arrivano dallo Stato, sono cavoli amari. “Fate schifo – ha detto rivolgendosi al direttore della banca Marielisa – accreditatemi sul mio conto 50 euro, tanto ve li riprendete con gli interessi”. Nonostante aver implorato, urlato il proprio dolore non c’è stato niente da fare. Sul posto è intervenuta anche la Polizia, chiamata dalla stessa commerciante.

L’assalto al supermercato LIDL di Palermo

Intanto nel pomeriggio, a Palermo, una ventina di persone ha assaltato il supermercato Lidl in viale Regione siciliana, tra i più grandi e i più frequentati della città. Sono entrati, hanno riempito i carrelli di generi alimentari, e raggiunte le casse hanno cercato di forzarle: “Non abbiamo soldi, non vogliamo pagare”. Gli impiegati del market hanno chiamato polizia e carabinieri, mentre all’esterno tra la gente in fila, a distanza di un metro come impongono le regole anti Covid-19, è scoppiato il panico. Per diverse ore è stato il caos. In città si è sparsa la voce di furgoni che trasportavano derrate alimentari rapinati da bande. Il tam tam, scrive l’ANSA, è corso sui social con l’apertura di un gruppo su Facebook che si chiama ‘Noi’. Nel giro di 24 ore gli iscritti erano già 585, soprattutto palermitani. S’inneggiava alla rivolta: “Basta stare a casa, dobbiamo mangiare”. “Recupereresti lo que nos quitas” è lo slogan della pagina Fb, mentre alcuni di loro si organizzano attraverso delle chat. C’e’ chi dice: “Chi per giorno 3 aprile è pronto alla guerra lo scriva qui sotto e facciamo gruppo”, “dobbiamo rompere tutti i supermercati e se vengono gli sbirri…”.

assalto supermercato lidl palermo

Secondo un recente studio della Cgil a Palermo e provincia un lavoratore su tre è in nero. Il divieto a uscire di casa per fermare i contagi ha svuotato la città. E così chi vive vendendo il pane per strada, chi finora ha guadagnato con la frutta e la verdura nelle bancarelle dei mercati tradizionali o in quelli rionali da due settimane non incassa più un euro. Sul gruppo “Noi” Salvatore fa il suo appello: “Qui non ci deve essere nessuna rivalità di quartiere: Ballarò, Zen, Sperone, Cardillo, Villaggio Santa Rosalia (zone popolari). Dobbiamo essere uniti, e buttare le corna a terra a questi perché se aspettiamo via Libertà e viale Strasburgo (strade di zone benestanti della città)… a me non mi interessa dei domiciliari, io sono in prima fila. O vinciamo tutti o perdiamo tutti”.

Leggi anche: Coronavirus: il rischio di una seconda ondata dell’epidemia