Cultura e scienze

Specie (non tanto) rare: il Pinguino da Tastiera

pinguini da tastiera

Ieri il noto programma di divulgazione scientifica Piazza Pulita ci ha permesso di conoscere una nuova specie che popola l’internet e in particolare Facebook: ovvero il pinguino da tastiera. Parente strettissimo del più famoso e nobile Leone da Tastiera, se ne differenzia tuttavia per alcune caratteristiche peculiari che vi andiamo ad illustrare, se avete la pazienza di seguirci. I Pinguini, come noto, sono nati per mangiare le Sardine anche se finora non se li sono filati nemmeno i cani. Tuttavia Alessio Lasta ha deciso, in nome della scienza, di addentrarsi nei loro sperduti territori per potercene illustrare le tendenze precipue. I gruppi di Pinguini di Ferrara si chiamano pinguini estensi e passano la giornata cibandosi di post contro Mattarella, Ilaria Cucchi e Carola Rackete. Il loro leader è Sergio Trachi, leghista ed edicolante a piazza Duomo in quel di Ferrara.

Lasta chiede a Trachi proprio dei pinguini estensi, di cui lui è fondatore. Subito il divulgatore scientifico ottiene la prima risposta: il gruppo, spiega l’edicolante, è “goliardico”. Cosa c’è di goliardico nel mettere una foto di Mattarella e farla riempire di insulti come feccia, merdaccia etc, etc?, chiede il ricercatore. E subito Trachi spiega: “Io mi dissocio da queste cose”. Poi c’è la chat in cui il social media manager della Lega di Ferrara ordinava ai militanti di attaccare il giornale Estense.com. Subito dopo la parola torna a Trachi: “Fa schifo questa cosa, non ho fatto in tempo a cancellare i commenti, domani cancello tutto, anche il gruppo…”. E allora facciamolo insieme, gli dice il ricercatore. “Ecco, adesso non poco”, risponde il pinguino da tastiera, “è diventato un gruppo del c… perché si è creato questo problema… guarda, mi muore il cuore”. E ancora: “E’ sbagliato fomentare l’odio ma io sono un ragazzo pulito, la gente mi vuole bene qui a Ferrara”. Che bravo pinguino da tastiera egli è!

Leggi anche: Come le Sardine hanno fregato Salvini sulla piazza di Bibbiano