Sport

Sepp Blatter si dimette

Sepp Blatter ha annunciato le dimissioni da presidente della Fifa e ha fatto sapere che il prima possibile si terranno le elezioni per il suo successore. La comunicazione a sorpresa del 79enne dirigente svizzero e’ arrivata nel corso di una conferenza stampa a Zurigo, quattro giorni dopo la sua rielezione da parte del congresso della Fifa e sei giorni dopo gli arresti di sette dirigenti della federazione su richiesta dell’Fbi.
 
SEPP BLATTER SI DIMETTE
La notizia delle dimissioni arriva dopo il colpo Valke. Il segretario generale della Fifa e braccio destro del presidente appena rieletto Joseph Blatter avrebbe stornato dieci milioni di dollari che sono stati destinati al pagamento di tangenti. E’ quanto hanno rivelato funzionari americani vicini all’inchiesta sul calcio mondiale avviata dalla procura federale di New York. La Fifa in un comunicato ha smentito. Jerome Valcke, che non è stato incriminato, secondo le indiscrezioni riportate sia dal Wall Street Journal che dal New York Times sarebbe rimasto coinvolto nel trasferimento illegale di fondi per l’assegnazione dei mondiali al Sudafrica nel 2010. La tangente sarebbe stata promessa dal Sudafrica nel 2004 e quando il Paese non fu in grado di pagarla la Fifa copri’ direttamente la somma, nel 2008, con un trasferimento a vantaggio di un gruppo controllato dall’allora vicepresidente Jack Warner attingendo a fondi destinati al torneo sudafricano. L’alto funzionario menzionato in modo anonimo nei documenti dell’inchiesta che diresse i pagamenti secondo le fonti citate dai media americani potrebbe essere Valcke. La Fifa e Valcke hanno invece negato e indicato che il pagamento fu autorizzato solo dall’allora direttore finanziario Julio Grondona, scomparso l’anno scorso, e che fu utilizzato non per tangenti ma per legittimi aiuti alla “diaspora africana nei Caraibi”. Warner e’ di Trinidad and Tobago.
MAIL BLATTER SEPP BLATTER
LE ULTIME PAROLE FAMOSE
“Organizzerò un congresso straordinario per eleggere un nuovo presidente – ha detto Blatter – Non voglio restare, adesso sono libero dai vincoli di un’elezione. Saro’ in grado di concentrarmi sulle profonde riforme. Per molti anni abbiamo chiesto riforme, ma queste non sono sufficienti”. Blatter, rieletto solo quattro giorni fa, ha ammesso di essersi ripresentato, nonostante lo scandalo di corruzione che ha pesato sulla Fifa, “perche’ ero convinto fosse l’opzione migliore”. Il dirigente svizzero e’ stato rieletto regolarmente ma, sottolinea, “questo mandato non sembra essere supportato” da altre parti del mondo del calcio.