Fatti

Scuole chiuse in Campania fino a fine gennaio? Lo dice De Luca

Il Presidente della Regione, oltre ai classici improperi contro il governo, si è detto pronto a varare i cancelli chiusi per elementari e medie fino alla fine del mese

Scuole chiuse campania de luca salvini Mascherina all'aperto

Il governo ha varato il nuovo protocollo per la gestione di casi Covid all’interno delle scuole. Come spiegato da Mario Draghi e dal Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, queste nuove regole servono e serviranno per scongiurare una rinvio nella ripresa dell’anno scolastico dopo le festività natalizie e un allontanamento dello spettro della didattica a distanza (Dad). Ma c’è chi, per mantener fede ai suoi proclami, sta decidendo in queste ore di non seguire le direttive nazionali. Vincenzo De Luca, infatti, paventa scuole chiuse in Campania (almeno elementari e medie) fino alla fine del mese di gennaio.

Scuole chiuse Campania, l’annuncio di Vincenzo De Luca

“In questa condizione io credo che sia irresponsabile aprire le scuole il 10 gennaio. Per quello che ci riguarda credo che non apriremo le scuole medie ed elementari – ha detto Vincenzo De Luca durante la sua classica diretta Facebook del venerdì -. In queste ore stanno lavorando le nostre strutture sanitarie, credo che ci sarà a breve un’unità di crisi, che credo prenderà atto di questa situazione in maniera responsabile. Quindi credo che andremo alla proroga dell’apertura dell’anno scolastico in Campania a fine gennaio per scuole medie ed elementari. Per il resto vedremo di seguire con attenzione la situazione del contagio, cercando di fare tutto quello che è nelle nostre possibilità per garantire ai docenti, ai presidi, alle famiglie il massimo possibile di assistenza sanitaria e di prevenzione per evitare situazioni pesanti e gravi”.

La scorsa settimana, a due giorni dalla cabina di regia del governo e del Consiglio dei Ministri che ha redatto e licenziato l’ultimo decreto, Vincenzo De Luca aveva chiesto di rimandare la riapertura delle scuole – sospendendo, de facto, l’attività scolastica (senza neanche passare dalla dad) – di 20-30 giorni. In questo lasso di tempo, secondo il governatore campano, si sarebbe dovuto procedere a un’intensa campagna di vaccinazione per le fasce d’età più giovani. E ora, se quel che ha annunciato oggi su Facebook sarà confermato, con le scuole chiuse Campania si potrà procedere con il suo piano.

Gli attacchi (gli ennesimi) al governo

E mentre la sua regione, per un’altra settimana, rimarrà in zona Bianca (scongiurando, di poco, il passaggio “al giallo”), Vincenzo De Luca non perde occasioni per tirare le sue stoccate al governo:

“Siamo all’irresponsabilità totale e, se per il 90% la responsabilità è di Lega e Fratelli d’Italia, per il 10% è di tutti quanti gli altri che non hanno il coraggio di parlare chiaro e di fare una battaglia politica esplicita, o anche di rompere le collaborazioni di Governo, chiamando gli italiani a valutare le diverse responsabilità”.

Secondo il governatore campano, anche gli ultimi decreti sono insufficienti per contenere la quarta ondata e, come già fatto in passato, ne ha per tutti:

“Questa irresponsabilità ha due ragioni: l’ottusità e l’irresponsabilità della Lega, l’irresponsabilità conclamata di Fratelli d’Italia, forza politica che non ha mai proposto nulla se non ‘faccia ognuno il proprio comodo’, e l’opportunismo delle altre forze politiche, che pur essendo consapevoli della necessità di una linea di rigore non hanno né la forza politica, né la voglia di fare una battaglia pubblica di opinione per denunciare le responsabilità di quelli che impediscono iniziative di contrasto serie al Covid”.

(da pagina Facebook di Vincenzo De Luca)